• Home
  • Comuni
  • Roccagloriosa
  • Nonna Trisina e gli scauratielli di Natale: «C’è Dio, ci sono i morti e ci sono i santi»

Nonna Trisina e gli scauratielli di Natale: «C’è Dio, ci sono i morti e ci sono i santi»

di Luigi Martino

di Luigi Martino

Il suffisso cambia a seconda delle altitudini dei borghi, della loro vicinanza al mare, dell’accento e dell’influenza dei dialetti. Gli scauratielli, se pur conosciuti come scauratieddi o scauratelle, dall’altro lato del fiume Alento, fino al golfo di Policastro, restano tra i simboli più autentici del Natale del Cilento. Per conoscere la loro storia, occorre conoscere la storia dei contadini e dei pescatori di questo fazzoletto di Sud.

Le zeppole si ottengono attraverso l’utilizzo di ingredienti poveri. Questa è la ricetta per chi ha paura di incontrare le cose belle e diffida osservandole da lontano, senza attraversare le viscere, senza imparare dalle radici.

Per gli altri, invece, difficilmente si riesce ad elencare tutti gli ingredienti. C’è sicuramente profumo di tradizioni antiche, di ruralità, di vite passate. C’è il peso dei sacrifici, il lavoro, l’importanza di santificare le feste con gli insegnamenti di chi aveva già lasciato il posto a qualcun altro. C’è il baratto, la condivisione, un pugno di umiltà e una buona dose d’amore, di famiglia, di comunità. «E poi c’è dio, ci sono i morti e ci sono i santi».

Borgo San Martino è uno scrigno di pietre e di anime. È un intestino di viuzze piccole e strette. Porta i segni antichi della sua storia e li porge a chi li sa riconoscere.

Timidamente abbiamo violato il silenzio di nonna Trisina. Lei c’ha aperto la porta di casa sua e il cuore.

Le altre storie:

La storia del vecchio borgo abbandonato di San Severino di Centola
Il racconto dell’antica pizza Cilentana: l’Ammaccata
Piano Vetrale, il paese dei murales dove nacque Paolo De Matteis
Mastro Peppo, la storia dell’ultimo cestaio di Omignano
Saverio Scanniello, maestro della radica d’ulivo del Cilento

© Riproduzione riservata




A Cura di

Luigi Martino

Fagocito storie miste a facce intrise di granelli di vissuto. Non ho sangue, dentro scorre mare. Assumo pillole di tradizioni e m’incanto di fronte a occhi nuovi. Porto sul groppone il peso perenne di confezionare sempre cose belle. Litigo spesso con i pulsanti della mia Nikon e sono alla continua ricerca di «enciclopedie che camminano». Mentre corro dal mare alle colline del Cilento, sotto al braccio destro ho un Mac; sotto all’altro, invece, un quintale d’umiltà. A caccia di traguardi che si rinnovano in modo perpetuo, colleziono tramonti, ingurgito libri e immagazzino abbracci senza essere sfiorato. Giornalista per professione, video-fotoreporter per ossessione, racconto storie per necessità.
Tutti gli articoli di Luigi Martino

Giornale del Cilento


Iscrizione al registro della stampa: Tribunale di Vallo della Lucania n.580/2009 | Iscrizione ROC: n° 33606/2019 | Editore: Editrice Cilento SRL - P.iva 05832750656 | Direttore Responsabile: Marianna Vallone | Contatti: redazione@giornaledelcilento.it