Omicidio e truffa in ospedale, rinviati a giudizio medici e infermieri

Rinviati a giudizio dal gup del tribunale di Salerno alcuni sanitari, tra medici e infermieri, in servizio all’unità operativa di Medicina del Dolore e Cure Palliative dell’hospice ‘Il Giardino Dei Girasoli‘ di Eboli, nel Salernitano, coinvolti in un’indagine delegata ai carabinieri del Nas di Salerno. Imputato con l’accusa di omicidio c’è il medico Alessandro Marra che avrebbe praticato «un’iniezione letale a un giovane malato terminale». Ieri, venerdì, il difensore di Marra, Michele Tedesco, ha rinunciato alla discussione, a differenza dei legali degli altri imputati che rispondono, invece, a vario titolo, tra l’altro, di truffa ai danni del servizio sanitario nazionale e peculato.

A processo, oltre Marra, andranno, nello specifico:  Giovanni Zotti,  Antonio Magrini, Luigi Mastrangelo, Mario Vicidomini, Davide Di Maio, Carmine Iorio, Cosimo Galdi, Gerarda Conte, Loredana De Ruberto, Liliana Moccaldi, Sinibaldi Rufolo, Pasqualina Calzaretta, Claudio Schettini, Giuseppe Valletta, Guglielmo Zottola, Vito Pastena. Per loro le accuse mosse dalla procura della Repubblica riguardano episodi di assenteismo e sottrazione di medicinali.

Il 3 ottobre, davanti alla Corte di Assise di Salerno, la prima udienza.

©Riproduzione riservata