Omicidio Vassallo, Damiani vuole tornare in Italia: «Mai visto il sindaco, ma conosco la figlia»

«Non ha mai conosciuto il sindaco assassinato il 5 settembre di 4 anni fa ma ha ammesso di conoscere la figlia di Vassallo perchè fidanzata di un suo ‘amico fraterno’». E’ quanto reso noto nel corso di una conferenza stampa convocata dall’avvocato Michele Sarno, che difende Bruno Humberto Damiani, il brasiliano detenuto in Colombia per spaccio di droga e indagato per l’omicidio  del sindaco di Pollica Angelo Vassallo. L’avvocato ha sottolineato che «non emergerebbero indizi gravi di colpevolezza su responsabilità del suo assistito poichè ‘allo stato non è stata emessa alcuna misura cautelare’». Poi il legale di Damiani ha chiesto l’intervento del governo italiano per accelerare le procedure di estradizione del suo assistito. Tornando alla vicenda Vassallo, l’avvocato Sarno ha sottolineato che non emergerebbero indizi gravi di colpevolezza su responsabilità del suo assistito poichè «allo stato non è stata emessa alcuna misura cautelare», ribadisce Sarno. Il quale, a proposito del pentito che ha accusato Damiani del delitto, sottolinea che «le sua dichiarazioni si fondano solo sul sentito dire».

©Riproduzione riservata

Fonte Il mattino