Ospedale di Sant’Arsenio, Pica: «Funzionante entro dicembre 2021»

di Pasquale Sorrentino

Il sindaco di Sant’Arsenio, Donato Pica, interviene in merito all’ospedale di Sant’Arsenio e ai lavori in via di procedimento nella struttura. «Nonostante l’emergenza Covid e il prevedibile slittamento dei tempi, tutto sommato possiamo dire di essere abbastanza in linea con le scadenze del crono programma che abbiamo concordato e definito da gennaio 2020 con l’Asl di Salerno».

L’amministratore rivela che il «Direttore Generale dell’Azienda ha approvato con propria delibera il progetto esecutivo per la realizzazione presso il presidio di Sant’Arsenio dell’Ospedale di Comunità. Così facendo ha dato seguito alla programmazione regionale ed all’Atto Aziendale specifico del settore. Così detto progetto è stato già trasmesso alla Soresa di Napoli che dovrà indire ed espletare la gara».

I fondi stanziati sono circa un milione di euro già stanziati ed imputati sul bilancio aziendale. Tra l’altro il progetto è coerente con la programmazione della Strategia delle Aree Interne a regia della Comunità montana Valla di Diano.

«Sono già intervenuto presso al Soresa – ha aggiunto Pica – per chiedere l’adozione di una procedura accelerata che consiste nella delega all’Asl per le procedure di gara con il percorso semplificato previsto dai decreti recenti di accelerazione delle procedure. Va inoltre sottolineato che la scorsa settimana l’ufficio tecnico aziendale ha provveduto alla consegna dei lavori da 700mila euro di efficientamento che sono ad oggi in corso e prevediamo di addivenire entro 6 mesi ad uno stato molto avanzato. I prossimi passi saranno la realizzazione del Consultorio Familiare e dell’Unità complessa delle cure Primarie dunque, se non interverranno altri rallentamenti, e se persegue l’orientamento dell’Azienda a dotare la struttura di personale necessario entro i prossimi mesi, prevediamo che entro il 31 dicembre 2021 tutto l’Ospedale Santissima Annunziata di Sant’Arsenio sarà pienamente funzionale come struttura territoriale della salute al servizio di un comprensorio molto vasto che va oltre il Vallo di Diano».

©Riproduzione riservata