Paestum, dagli scavi spunta una testa: «E’ scoperta più antica»

562
Infante viaggi

Scoperta una testa in travertino a Paestum: è la prima del genere rinvenuta nell’area archeologica dell’antica Poseidonia. Il ritrovamento è stato effettuato dagli archeologi dell’università tedesca di Bochum, impegnati in una campagna di scavo in collaborazione con il Parco Archeologico di Paestum su concessione del ministero dei Beni e delle Attività Culturali. La testa potrebbe provenire dalla decorazione del frontone di un tempio o di una statua. L’eccezionalità del ritrovamento risiede nella sua datazione: almeno la prima metà del VI secolo a.C.. La scultura, dunque, è la più antica rinvenuta a Paestum, certamente contemporanea se non antecedente alle metope rivenute presso il vicino Heraion di Foce Sele, considerate finora la più antica testimonianza scultorea della città magno-greca che sorge nella Piana del Sele. «Con questa scultura – commenta Gabriel Zuchtriegel, direttore del Parco Archeologico di Paestum – siamo all’inizio della storia di Paestum, poco dopo la fondazione della città intorno al 600 a.C., ma anche all’inizio della scultura monumentale greca in genere».

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

©Riproduzione riservata

  • Assicurazioni Assitur
  • Petrolfer srl