Paestum, si pente e restituisce la tessera rubata dal mosaico: «Scusatemi»

Con una lettera di scuse anonima è stata restituita al Parco archeologico di Paestum una tessera di un mosaico che era stata rubata nel 2017

di Marianna Vallone

Dopo il senso di colpa, il pentimento per il gesto compiuto e la restituzione del prezioso pezzo d’arte. Con tanto di lettera di scuse. Succede che al Parco archeologico di Paestum e Velia è stata restituita una tessera di mosaico «sottratta» nel 2017, dal pavimento di un’abitazione di Paestum. E’ stata spedita al Museo accompagnata da un biglietto anonimo di scuse a Zuchtriegel. «Spettabile direttore – scrive il turista pentito – le restituisco una tessera di un mosaico situato sul pavimento di una casa dei quartieri abitativi del sito di Paestum, che ho stupidamente raccolto a settembre 2017. Nello scusarmi per il mio comportamento, porgo cordiali saluti». «Apprezzando il gesto ci si augura che questi comportamenti non avvengano più perché a subire un enorme danno è il nostro inestimabile patrimonio», risponde il direttore del Parco.

©Riproduzione riservata