Pagamenti operai forestali, Marra alla Regione: «Si anticipino le risorse»

Anche il Comune di Altavilla Silentina si unisce all’appello degli enti di Capaccio, Trentinara e Roccadaspide, per la richiesta del pagamento delle spettanze agli idraulici forestali della comunità montana ‘Calore Salernitano’. La giunta, presieduta dal sindaco Antonio Marra, ha chiesto alla Regione «lo stanziamento in bilancio delle risorse necessarie per il pagamento dei salari a tutti gli idraulici forestali». Ai dirigenti dell’ente montano, invece, il Comune di Altavilla ha chiesto «l’utilizzo come anticipazione di cassa di risorse destinate alla forestazione e di programmare azioni di protesta quali la consegna al prefetto di Salerno delle dimissioni da amministratori dell’ente». Da diversi anni, ormai, la Regione non trasferisce alla comunità montana ‘Calore salernitano’ i necessari fondi per il pagamento delle spettanze agli operai assunti a tempo indeterminato. Per l’anno in corso le risorse economiche assegnate dalla Regione sono sufficienti a pagare i salari solo fino al mese di settembre. Fino a dicembre, invece, è stata richiesta la cassa integrazione per motivi economici per tutti i dipendenti a tempo indeterminato in forza alla comunità montana. «Come amministrazione – dichiara il sindaco Antonio Marra – esprimiamo tutto il nostro sostegno e la nostra solidarietà agli operai idraulici forestali, in particolare a coloro che vivono sul territorio altavillese, e alle loro famiglie, che da mesi sono privati del loro stipendio. Il mantenimento dei livelli occupazionali della manodopera forestale costituisce un obiettivo fondamentale di natura sociale, da tenere in debita considerazione soprattutto – conclude il primo cittadino di Altavilla – in questa fase di perdurante crisi economica dove, come noto, non si registrano concrete alternative occupazionali».

©Riproduzione riservata