Palinuro, azienda e villetta sotto sequestro: sfrattati gli occupanti

RETTIFICA: NESSUN SEQUESTRO ED OCCUPAZIONE (clicca)

Nel pomeriggio di oggi, sabato, i carabinieri della stazione di Centola, comandati dal maresciallo Giuseppe Sanzone, guidati a livello territoriale dalla compagnia di Sapri, agli ordini del capitano Matteo Calcagnile, sono intervenuti in località Portigliola di Palinuro per apporre i sigilli, su disposizione del gip del tribunale di Vallo della Lucania, ad una villetta e ad un’azienda agricola. «Si tratta di una vertenza civilistica tra due privati che hanno ricorso al giudice per un bene che nel frattempo è stato posto sotto sequestro in attesa di decisioni» fanno sapere fonti vicine ad ambienti investigativi. Le indagini sono partite lo scorso 17 ottobre.

Dopo il decesso per cause naturali di un uomo di 61 anni, la famiglia ha esposto formale querela nei confronti di alcune persone, tra cui gli occupanti della villetta: la compagna del 61enne, originaria di Cuba, e un altro uomo del posto. La villetta è di proprietà della famiglia del defunto. Oggi gli occupanti sono stati invitati ad uscire. I carabinieri hanno messo i sigilli alla struttura. Al centro delle indagini, ci sarebbe anche un grosso quantitativo di merce, in particolare pesce surgelato, che sarebbe sparito dopo il decesso del 61enne. Ulteriori risvolti della vicenda potrebbero arrivare nei prossimi giorni.

©Riproduzione riservata