Palinuro, l’arco naturale è chiuso per rischio crollo ma si passa lo stesso

Infante viaggi

Fuori dal centro di Palinuro, vicino alla foce del fiume Mingardo, si trova la spiaggia dell’Arco Naturale. Da sempre meta turististica per la bellezza dell’arco e della spiaggia, una commistione di sabbia e roccia. Tutelato dall’Unesco, l’Arco, è uno dei punti più suggestivi della costa cilentana ma risulta pericolante, prova è stata il cedimento datato novembre 2007. Nel 2011 furono apposti dei sigilli per limitarne il passaggio e fu costruito un “tunnel” per permettere di passare in sicurezza. Il Comune di Centola, nel giugno 2015, ha deciso di sigillare la zona a causa del serio pericolo di caduta massi. Questi sigilli non sono stati rispettati e nei giorni scorsi la recinzione è stata tagliata permettendo un passaggio indisturbato e rischioso, senza alcuna vigilanza. Intanto l’area è oggetto di bando da parte dell’Autorità di bacino Regionale di Campania Sud e interregionale per il bacino Idrografico del fiume Sele. L’intervento, di circa 5 milioni di euro, rappresenta il primo stralcio di un intervento più ampio di 15 milioni di euro e viene realizzato interamente con fondi propri dellíAutorità. L’intervento mira a un duplice obiettivo, della sicurezza, attraverso il risanamento e restauro del bene; del rilancio a livello internazionale, attraverso la promozione turistica.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur