• Home
  • Politica
  • Camerota, ‘La Calanca srl’ per la gestione dei parcheggi chiude il primo anno con un bilancio negativo

Camerota, ‘La Calanca srl’ per la gestione dei parcheggi chiude il primo anno con un bilancio negativo

di Maria Antonia Coppola

“La Calanca srl” è la società per la gestione dei parcheggi e delle zone di sosta del comune di Camerota, la società in questione si occupa di un settore, appunto quello dei parcheggi, che costituiscono non soltanto un fulcro decisivo per la vivibilità di una località, ma rappresentano un elemento integrante di quello che si potrebbe definire sistema-turismo.
Su questo sistema-turismo si può dire molto, complessivamente parlando, e non da oggi. Basti pensare che  quest’anno 11 comuni della costiera cilentana hanno conquistato la fatidica Bandiera blu dopo un percorso lineare di costa e di mare stoppando questo magico percorso di premiazione appena prima di Camerota, e riprendendo subito dopo Scario, escludendola con un salto geografico, come un fastidioso singhiozzo o un balzo di rana, dall’ambita onorificenza.
Tornando alla Circolazione e all’argomento ‘parcheggio’, diventano dunque argomenti particolarmente caldi quando si parla di automobilisti disabili. Se è vero che la legge destina ai disabili un posto auto ogni 50 – si osserva – i Comuni dovrebbero tenere presenti sia i residenti, sia i turisti. La cittadina di Camerota, ha per esempio circa 500 posteggi, di cui quanti sono riservati ai disabili? Questi numeri sono adeguati se si considera la bassa stagione, ma, ci si chiede, sono adeguati in estate o nei fine settimana?   Difficilmente i comuni sensibili alla disabilità tralasciano questo aspetto della mobilità, mentre dove non c’è cultura in questo senso i problemi legati alle barriere architettoniche sono moltissimi, ed estremamente gravi. Per non parlare di iniziative "politically correct" – peraltro lodevoli – come quella legata ai parcheggi rosa per le donne incinte o le neomamme, assicurandosi ottima visibilità mediatica.

Ma come si comporta l’amministrazione quando ha a che vedere con i problemi dei portatori handicap? Fino a questo punto, cioè con ‘La Calanca srl’ pare che ci sia stato l’adeguamento alle norme dettate dall’ordinanza comunale n.8 del 2007 che all’articolo 13 indica che nei parcheggi, oltre ai residenti, è consentita la sosta gratuita ai seguenti soggetti:
a)  ai veicoli dei portatori di Handicap provvisti dello speciale contrassegno di cui all’art.188 del C.d.S. (invalidi)
b)  ai soggetti portatori di handicap ai sensi della legge 104/92 residenti, per la persona che deve portargli assistenza munito di contrassegno del Comune.
Da poco tempo l’amministrazione comunale di Camerota ha dato il via alla società in house per tutti i servizi che finora erano stati affidati a società miste come ‘La Calanca srl’, ma se si è stabilito l’organigramma del servizio portuale, ancora è sconosciuto chi gestirà il servizio parcheggi. Intanto è di qualche settimana fa la notizia di un bilancio annuale chiuso in negativo dalla ‘Calanca srl’, mentre il presidente della società dei parcheggi, Ettore Cusati, ci dice che l’anno è andato perfettamente bene...
“ Fra quello che abbiamo trovato e quello che abbiamo creato abbiamo avuto un ottimo risultato. In due mesi di lavoro l’incasso è stato di circa 130 mila euro IVA inclusa, con un incasso del 50% in più rispetto agli anni scorsi. Si è creata una società e l’abbiamo dotata di un ufficio, di una segretaria, attrezzature cartacee e computer, abbiamo fatto in modo che i parcheggi fossero in gran parte custoditi, e soprattutto tenuti puliti. Abbiamo cercato di dare un servizio maggiore sia a livello economico, guadagnando di più, che a livello di immagine più consona ad un paese turistico.
A livello economico abbiamo chiuso in passività, 4954 euro, IVA esclusa. Perché ci sono stati debiti pregressi a cui si è dovuto far fronte, per una cifra che sfiora i 20 mila euro (15/18mila euro). Poi è stato fatto un investimento per transenne, catene, segnaletiche e infine abbiamo inserito 29 persone, tutte totalmente assicurate, e tutte pagate con uno stipendio sindacale. Queste persone hanno lavorato per il servizio parcheggio, ma anche per servizi esterni, quali irrigazione piante in piazza e sul porto”.
Per prestazioni di terzi sono stati spesi 61 mila euro, per quanto riguarda il consiglio di amministrazione, fino a dicembre, hanno preso uno stipendio di 8mila euro, Ettore Cusati, Franco Sansiviero e il consigliere di minoranza Antonio Calicchio. E in quanto società mista, come hanno investito in dipendenti, ampliando l’organico di circa 20 persone, così hanno ritenuto di investire in promozione, sponsorizzando il concerto di Natale dei  ‘99 Posse’ con una cifra di 2mila euro.
Con l’insediamento delle società in house tenderà a svanire l’attuale società che gestisce, per il momento, il servizio parcheggi. Il presidente Cusati, attende risposte in tal senso dall’amministrazione, intanto dice: “ Non è detto che è domani la nascita della società in house, per il momento sono ancora io il presidente”.
 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019