Pd Sant’Arsenio attacca direzione provinciale: «Nostro comune non è secondo a nessuno, perché indebolirlo?»

Dopo la notizia del trasferimento del distretto sanitario da Sala Consilina a Sant’Arsenio e la successiva dimissione del presidente Tommaso Pellegrino, il circolo Pd locale precisa alcune cose. «Non risponde al vero l’affermazione, – spiega il circolo di Sant’Arsenio –  contenuta nel comunicato stampa del Pd provinciale di Salerno in  solidarietà al dimissionario Tommaso Pellegrino, nella quale si dice che lo spostamento del distretto da Sala Consilina a  Sant’Arsenio corrisponde ad  un indebolimento della nostra  zona a favore di altre, Sant’Arsenio fa parte del Vallo di Diano a pieno titolo. Il nostro circolo sino ad oggi non è mai intervenuto per prendere posizione sulla situazione distretto, ritenendo che gli organi competenti potessero fare il loro lavoro al meglio, salvaguardando sia il nostro comune, che l’intero Vallo di Diano».

«Ma riscontriamo continui attacchi delle istituzioni sia partitiche che di governo, – si legge nella nota – sempre a scapito del nostro Comune, come se non avessimo già sopportato un continuo decremento della nostra struttura sanitaria a favore di altri. Ricordiamo che per motivi economici e di salvaguardia della salute pubblica, il nostro nosocomio negli ultimi tre anni ha subito la chiusura di  tre reparti ospedalieri e per questo non abbiamo ricevuto  sostegno né dall’assemblea dei sindaci, né tantomeno dal Partito democratico. Pertanto, appare necessario a questo punto puntualizzare che Sant’Arsenio non è secondo a nessuno e vuole ricevere alla pari di tutto il comprensorio la stessa Salvaguardia riservata ad altri». E conclude: «In ultimo, portiamo  anche la nostra solidarietà al presidente Pellegrino, augurandoci che in futuro azioni tanto eclatanti, possano aversi  anche da altre figure di rappresentanza, al fine di salvaguardare tutto il nostro comprensorio, nessuno escluso».

©Riproduzione riservata