Pescatori in cattedra, studenti alla scoperta del pescato del Parco del Cilento

222
Infante viaggi

Trasferire ai giovani le buone pratiche legate alla pesca sostenibile, all’amore per il mare, all’alimentazione sana. In sintesi: al pescato della Dieta Mediterranea nel Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E’ l’iniziativa che l’ente presieduto da Tommaso Pellegrino ha organizzato nelle due aree marine protette del Parco nell’ambito della misura 568 del Feamp Regione Campania e si è conclusa oggi a Marina di Camerota. La due giorni dedicata al pescato delle aree marine di Santa Maria di Castellabate e della Costa degli Infreschi e della Masseta è iniziata ieri a San Marco di Castellabate ed ha visto la partecipazione dei pescatori locali e degli studenti degli istituti alberghieri Ancel Keys di Castelnuovo Cilento e G.B Piranesi di Capaccio Paestum. A Marina di Camerota protagonisti gli studenti degli istituti alberghieri Antonio Sacco di Sant’Arsenio e Carlo Pisacane di Sapri che con gli alunni delle scuole medie di Camerota hanno chiesto ai pescatori curiosità della vita del mare, dei tipi di pesca e dei pesci che popolano le acque cilentane. La giornata è proseguita all’hotel America con un incontro al quale hanno preso parte i sindaci di Camerota e San Giovanni a Piro, Mario Scarpitta e Ferdinando Palazzo, oltre al direttore del Parco, Romano Gregorio. Il dibattito è stato coordinato dal giornalista Vincenzo Rubano. In cucina gli chef Fabio Del Gaudio, Mimmo Caiazzo e Gerardo Aquino hanno trasformato il pescato locale in uno speciale menu a base di maracucciata, pesce e lagane. Ad aiutare gli chef sono stati gli studenti del Sacco e del Pisacane che si sono alternati ai fornelli e in sala, dando prova di abilità e preparazione. «L’iniziativa punta ad avvicinare i giovani al mare, alla pesca, all’ambiente e alla buona alimentazione. – hanno detto Pellegrino e Gregorio – Il pesce che abita il mare delle aree marine protette fa bene anche come antinfluenzale, previene malattie cardiovascolari e tumori perché ricco di vitamine e elementi buoni per la salute». «La tradizione della pesca è millenaria a Marina di Camerota – ha aggiunto il sindaco Mario Scarpitta – L’alimentazione dei nostri antenati cenetenari era costituita da pesce, olio e pomodoro». Per il sindaco Ferdinando Palazzo la dieta mediterranea è «un unicum che il nostro territorio può appuntarsi al petto. E’ modello di vita, non solo modo di mangiare. Ci riporta a quello che siamo stati, un modello di integrazione popolare».

  • Petrolfer srl
  • Scait consulenza alle imprese

©Riproduzione riservata

  • Assicurazioni Assitur
  • Petrolfer srl