• Home
  • Cronaca
  • Petina, il soldato Antonio Villani torna a casa dopo 78 anni

Petina, il soldato Antonio Villani torna a casa dopo 78 anni

di Pasquale Sorrentino

Dal Sacrario militare di Roma, la sua ultima città vista in vita, al cimitero di Petina. La sua città. Antonio Villani è tornato nella sua terra 78 anni dopo. Militare dell’esercito, era partito poco più che ventenne per il fronte. Dal sud, profondo sud, alla guerra. Fu ferito in modo grave sul fronte durante la Seconda Guerra mondiale. Trasportato d’urgenza all’ospedale militare di Roma, nel febbraio del 1944 perse la vita. Aveva 25 anni. Fu sepolto nel Sacrario militare di Roma. E mai dimenticato a Petina. Per questo motivo, da tempo, l’unica sorella rimasta in vita, i nipoti e i familiari hanno voluto riportarlo a casa. E così lo scorso 10 marzo la sua Petina lo ha riabbracciato. I suoi familiari, dopo il lungo iter con l’onor dei caduti a Roma e con il Ministero della Difesa, sono riusciti a farlo riposare nella sua Petina. Una cerimonia sentita e commossa davanti al monumento ai caduti, il saluto del sindaco Mimmo D’Amato, le parole del presidente nazionale dell’Associazione nazionale caduti e reduci, Antonio Landi e gli applausi dei compaesani di Antonio Villani. Poi la sepoltura e l’ultimo abbraccio nel cimitero di Petina.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019