• Home
  • Attualità
  • Pollica, i bambini progetto la loro idea di turismo per i più piccoli con il primo hackathon di comunità

Pollica, i bambini progetto la loro idea di turismo per i più piccoli con il primo hackathon di comunità

di Marianna Vallone

Il “nascondino nel borgo” e il “parco del tesoro”, attività rivolte ai bambini per conoscere le erbe spontanee e il loro utilizzo in cucina. Queste le idee vincitrici di “Hack The Village!”, il primo hackathon di comunità che si è svolto nel borgo cilentano di Pollica (Salerno) nel corso della Pollica Digital Week, organizzata da Future Food Institute e Comune di Pollica. Partner della manifestazione Fondazione Italia Digitale, Pa Social, IgersItalia, Europe Direct Salerno, Rinnovabili e Adnkronos.

A presentare l’hackathon Stefano Pisani, sindaco di Pollica, Sara Roversi, presidente di Future Food Institute, e Massimo Calzoni, referente per le attività di accompagnamento di Invitalia. I vincitori sono un gruppo di bambini del territorio che hanno proposto l’organizzazione di percorsi coinvolgenti per favorire l’integrazione con i bambini che trascorrono le vacanze nel borgo di Pollica. 

Il primo hackathon di comunità, organizzato in collaborazione con Invitalia, nasce allo scopo di progettare il futuro dei borghi insieme alla comunità locale, a studenti, sviluppatori, agricoltori, professionisti e appassionati provenienti dal territorio e non. L’obiettivo è trovare insieme soluzioni ai problemi che sentono più vicini e proporle a sindaci e stakeholders locali. Tra le idee presentate nell’ambito dell’hackathon anche laboratori di trasformazione dei prodotti agroalimentari, percorsi didattici per riscoprire la tradizione e programmi dedicati alla formazione di nuove competenze per il settore turistico.

Proposta anche la realizzazione di un forno di comunità per “nutrirsi di memoria”: per gli ideatori costituire un forno di comunità significa dare vita a uno spazio di aggregazione, centro di creazione di eventi per ravvivare la tradizione e favorire l’integrazione tra generazioni. Infine, “CilenToBe”, un hub dedicato agli sport outdoor per scoprire il territorio stando a contatto con la natura incontaminata del Cilento.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019