• Home
  • Attualità
  • Postiglione, il Consiglio di Stato annulla le elezioni

Postiglione, il Consiglio di Stato annulla le elezioni

di Antonio Vuolo

Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 6906/2021, ha annullato l’elezione di Mario Pepe alla carica di sindaco di Postiglione e del Consiglio comunale, proclamato eletto a seguito delle consultazioni elettorali svoltesi il 20 ed il 21 settembre 2021. La lista sfidante, guidata dal candidato sindaco Carmine Cennamo, sconfitti con 3 voti di scarto, avevano impugnato gli esiti elettorali dinanzi al Tar Salerno, che tuttavia aveva respinto il loro ricorso.

Difesi dall’avvocato Marcello Feola, hanno deciso di proporre appello anche al Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso e disposto la ripetizioni delle elezioni del Comune di Postiglione limitatamente alla sezione I.

A motivare la sentenza del Consiglio di Stato è il fatto che “il plico contenente le schede autenticate e non utilizzate e le schede non autenticate con vicenda tanto singolare, quanto non ragionevolmente giustificabile – è stato smarrito e successivamente ritrovato nel furgone per la raccolta dei rifiuti solidi urbani con un ampia apertura, che denota l ‘evidente mancanza di qualsiasi certezza in ordine alla elettiva corrispondenza delle schede ritrovate all ‘interno della busta lacerata con quelle effettivamente immessevi al momento della chiusura del seggio elettorale”.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019