• Home
  • Cronaca
  • Prevenzione, cura e ricerca: a Palazzo Sant’Agostino l’incontro in memoria di Alessandra Braca

Prevenzione, cura e ricerca: a Palazzo Sant’Agostino l’incontro in memoria di Alessandra Braca

di Maria Emilia Cobucci

Intensa giornata di riflessione e confronto a Palazzo Sant’Agostino, organizzata dall’associazione Ibis. Al centro del dibattito la cultura della prevenzione e l’importanza della ricerca nella cura delle patologie oncologiche, una “speranza” di vita dibattuta con l’ordine dei Medici di Salerno rappresentato da Attilio Maurano e con Gerardo Botti, già direttore scientifico IRCCS Pascale di Napoli ed oggi sindaco di Sessa Cilento.

Umanizzazione della medicina, corretti stili di vita e fiducia nella scienza sono stati i cardini della discussione che hanno coinvolto il pubblico presente. L’evento è stato introdotto da Ersilia Frusciante, dalle note del giovane pianista Davide Cesarano e dai saluti istituzionali del Consigliere Provinciale con delega alle politiche sanitarie Filomena Rosamilia.

Gabriella Marotta ha moderato i lavori ed ha “accolto” i familiari di Alessandra Braca, presenti in sala, la giovane salernitana deceduta ad agosto scorso per un male incurabile ed a cui era dedicata l’iniziativa.

Il consigliere provinciale con delega al turismo Pasquale Sorrentino ha assicurato che «continua l’impegno dell’Amministrazione Provinciale nella diffusione del valore della conoscenza, a beneficio di tutti i cittadini». Presenti all’evento l’assessore comunale di Salerno Massimiliano Natella e la consigliera Tonia Willburger, oltre a numerosi esponenti dell’associazionismo culturale salernitano.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019