Pulizia fondali marini: l’idea di Vassallo prende forma e arriva alla Camera

Si svolgerà venerdì 13 novembre alle ore 13 nella sala stampa della Camera dei Deputati la conferenza stampa relativa al progetto di pulizia dei fondali marini, promosso e avviato dalla Fondazione Angelo Vassallo sindaco pescatore nel 2010, a tre mesi dalla barbara uccisione del primo cittadino di Pollica, Angelo Vassallo. Il progetto, che ha conosciuto fino a qui numerose tappe importanti, coinvolge i pescherecci e prevede il recupero dei rifiuti che restano impigliati nelle reti durante la pesca. Plastica, vetro, alluminio, materiale ingombrante e tanto altro viene portato a terra e separato secondo i criteri della raccolta differenziata. Si tratta di tonnellate e tonnellate di rifiuti tolti dal mare, differenziati e riciclati. La pulizia dei fondali marini diventa, così, un contributo concreto alla protezione dell’ecosistema marino e costiero e, allo stesso tempo, si configura come un progetto di alto valore sociale ed economico.

All’incontro prenderanno parte: Gianni Pittella, presidente del gruppo S&D in Parlamento europeo, Oreste Pastorelli, deputato Psi e componente Commissione Ambiente alla Camera; Laura Venittelli, responsabile nazionale del settore Pesca e Acquacoltura per il Pd, Emiliano Minnucci, deputato Pd e membro della Commissione Trasporti; Claudio Broglia, senatore PD e sindaco di Crevalcore; Stefano Vaccari, senatore PD, Donatella Bianchi, presidente WWF Italia, Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore. Per l’occasione il presidente della regione Campania, Vincenzo De Luca, invierà un messaggio ai partecipanti. «Questa conferenza stampa – spiega Dario Vassallo, presidente della Fondazione Angelo Vassallo Sindaco Pescatore – è stata organizzata per ringraziare tutti i partecipanti per il lavoro svolto e soprattutto per ribadire a chi in Commissione Ambiente ha volutamente tolto alla nostra proposta di legge sulla pulizia dei fondali marini ogni riferimento ad Angelo Vassallo e alla nostra Fondazione che qui nessuno è fesso».

©Riproduzione riservata