Quattro nuovi punti wi-fi gratuiti ad Agropoli

di Redazione

di Antonio Vuolo

La giunta Coppola, su proposta dell’assessore alle Politiche economiche e finanziarie, Roberto Mutalipassi, ha approvato il progetto esecutivo per il potenziamento della rete wi-fi di pubblica fruizione presente sul territorio comunale. Tale operazione consentirà anche di ampliare i punti hotspot gratuiti. Il Comune di Agropoli, nei mesi scorsi, è risultato vincitore, del bando WiFi4EU, l’iniziativa dell’Unione Europea che finanzia l’installazione di reti wi-fi gratuite negli spazi pubblici quali parchi, piazze, uffici pubblici, biblioteche e centri sanitari.

L’Ente municipale è tra i 510 Comuni italiani che sono risultati destinatari di un voucher di 15.000 euro per creare gli hotspot necessari all’entrata in funzione delle reti internet o per la loro integrazione. Il buono WiFi4EU è un pagamento forfettario volto a coprire i costi delle apparecchiature e di installazione degli hotspot wi-fi. Al Comune toccherà sostenere i costi della connettività (abbonamento a internet), della manutenzione e di funzionamento delle apparecchiature per almeno tre anni. Attualmente gli hotspot gratuiti attivi sono presenti in Piazza Vittorio Veneto, stazione ferroviaria, porto e Piazza Umberto I (centro storico). A questi se ne aggiungeranno di nuovi: Parco pubblico “L. Bonifacio” in via Taverne, Castello Angioino Aragonese, Piazzetta adiacente la chiesa Madonna di Costantinopoli, Piazza della Mercanzia.

«Il servizio internet – affermano il sindaco Adamo Coppola e l’assessore Roberto Mutalipassi – è ormai divenuto fondamentale per lo studio, il lavoro e per il tempo libero. Il servizio offerto dal Comune di Agropoli, completamente gratuito, è molto apprezzato da residenti e turisti e, a partire dal mese di marzo 2021, sarà implementato con nuove zone e potenziato, per una connessione maggiormente veloce. Un servizio importante per una Città sempre più al passo con i tempi».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019