• Home
  • Attualità
  • Re-start for future: l’istituto Sacco di Sant’Arsenio punta sulle idee innovative

Re-start for future: l’istituto Sacco di Sant’Arsenio punta sulle idee innovative

di Pasquale Sorrentino

Al via presso l’Istituto di Istruzione Superiore “Sacco” il progetto R.E. START for FUTURE con l’obiettivo della costituzione di una Rete Aperta di scuole per la realizzazione di percorsi pilota di sperimentazione con metodologie didattiche innovative per gli studenti. Due i percorsi sperimentali proposti agli studenti ed ai docenti: imprenditorialità digitale; pensiero computazionale, coding e robotica educativa, intelligenza artificiale.

Grazie all’utilizzo di metodologie innovative e di risorse e di strumenti tecnologici, le scuole realizzeranno un e-book e un portale, con annessa piattaforma e metteranno a disposizione di tutte le altre istituzioni scolastiche interessate un repository di learning object, newsletter, faq, canali di help desk, wiki, podcast, strumenti di e-learning e mobile learning. Il supporto e l’accompagnamento dei docenti e della comunità di pratica è intesa a creare un gruppo di docenti affiatato e contestualmente favorire l’inserimento dei nuovi arrivati con il fine ultimo di produrre materiale significativo e spendibile alla fine del progetto in modo che possa essere utilizzato nella didattica quotidiana.

Lo strumento principe di supporto, accompagnamento e mutual learning è il web con tutte le sue potenzialità. L’obiettivo è molto ambizioso e si prefigge di utilizzare anche i social media con il coinvolgimento delle famiglie riguardo i risultati ottenuti in termini di soddisfazione, motivazione e coinvolgimento degli studenti. Mentre per i docenti si profila il ruolo di vero e proprio “allenatore” degli studenti che si formano, utilizzano, provano, simulano, visualizzano concetti e conducono lavori di gruppo, le famiglie riceveranno feedback su sviluppi, anche comportamentali, degli studenti. Grande soddisfazione della dirigente scolastica, Rosaria Murano, che ha tenuto a precisare come: “il progetto, svilupperà metodologie didattiche con ampia diffusione per un’efficace condivisione dei risultati e delle best practices maturate.

La scuola sarà impegnata nella diffusione e la valorizzazione di idee innovative sui temi quali: impresa digitale, robotica, coding, didattiche collaborative e costruttive, rapporto tra saperi disciplinari e didattica per competenze, rafforzamento delle competenze di base, progressione degli apprendimenti, compiti di realtà e apprendimento efficace. Insomma, imparare ad imparare per un apprendimento permanente”. In tale contesto sono già state programmate due giornate per la presentazione dei lavori e per un confronto sui temi. Presso l’Aula Magna dell’Istituto Sacco di Sant’Arsenio, sabato 1 ottobre, dalle ore 17.00 si terrà l’incontro con il prof. Aurelio Tommasetti, già Rettore dell’Università degli Studi di Salerno, Ordinario di Economia Aziendale, che discuterà con gli studenti ed i docenti sul tema delle Metodologie Didattiche Innovative e il loro utilizzo in tutti gli ordini di scuola, partendo dal Diritto, economia ed economia aziendale. Il secondo appuntamento invece è previsto per sabato 8 ottobre, presso l’Aula Magna dell’Istituto Sacco di Sant’Arsenio, dalle ore 17.00 con il prof. Ferdinando Longobardi, Professore di Linguistica presso l’Università degli studi di Napoli “L’Orientale” e l’Università Cattolica del Sacro Cuore, sulle Metodologie didattiche innovative e la lingua italiana. Durante le due iniziative I docenti e gli studenti esporranno le proprie esperienze, rendendo partecipi gli altri dei risultati raggiunti. Il progetto prevede anche la realizzazione di n° 12 video della durata di almeno 3 minuti ciascuno, con protagonisti i ragazzi. La realizzazione di n° 3 webinar con esperti del settore. La stesura di un e-book attraverso la raccolta dei prodotti più significativi ottenuti grazie all’utilizzo delle Metodologie didattiche innovative.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019