• Home
  • Politica
  • Franco Brusco aderisce alla nuova formazione politica “NOI SUD”

Franco Brusco aderisce alla nuova formazione politica “NOI SUD”

di Rito Ruggeri

Federalista e a vocazione meridionale, stabilmente nel centro destra e alleato del Pdl, avversario del Pd nel Meridione e "contrappeso" della Lega Nord. Ma soprattutto non un "clone" dell’Mpa. E’ il profilo politico di "Noi Sud", il movimento guidato da Arturo Iannaccone e Enzo Scotti, nato dopo l’espulsione dalla formazione guidata da Raffaele Lombardo e ‘battezzato’ oggi alla Camera, dove ha costituito una componente autonoma nell’ambito del gruppo Misto, con l’adesione di quattro deputati: Arturo Iannaccone, nominato segretario, Elio Belcastro, vice segretario, Antonio Milo tesoriere e Luciano Sardelli, capogruppo. Enzo Scotti, che e’ sottosegretario agli Esteri, e’ il presidente.

Proprio Scotti ha illustrato caratteristiche e obiettivi di Noi Sud. "Nasciamo come forza che vuole difendere il bipolarismo. Siamo stabilmente nel centro destra -ha puntualizzato il presidente- e alleati del Pdl ma non confluiremo nel Pdl. Teniamo alla nostra autonomia, che e’ uno dei nostri valori fondativi e intendiamo portare nel Popolo delle liberta’ le nostre proposte, mantenendo chiara la nostra identita’ di movimento meridionalista". Radicato essenzialmente nel Mezzogiorno (i quattro deputati che insieme a Scotti lo hanno promosso provengono da Calabria, Campania e Puglia), Noi Sud ha l’aspirazione di diventare un soggetto nazionale.

"Il nostro e’ un soggetto a forte radice meridionalista -spiega Iannaccone- che nasce per restituire la centralita’ alla questione meridionale e la sua portata nazionale". Partito del Sud, insiste Iannaccone, ma con una vocazione "autonomista e federalista" che vuole essere un "contrappeso" alla Lega Nord" e avversario del Pd "troppo assistenzialista e clientelare al Sud, privo di un progetto di rilancio e di sviluppo per il Mezzogiorno e che ha nel governatore della Campania, Antonio Bassolino, l’emblema di una classe dirigente che ha aggravato, anziche’ risolvere, i problemi del Sud". 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019