• Home
  • Politica
  • LA prima legge federalista, verso il Consiglio delle Autonomie

LA prima legge federalista, verso il Consiglio delle Autonomie

di Maria Antonia Coppola

La prima legge di ispirazione federalista del consiglio regionale della Campania può vedere la luce sotto l’egida del Pd. Il giorno dopo l’approvazione del decreto governativo che avvia il decentramento fiscale in Italia torna d’attualità la proposta avanzata dal consigliere regionale Nicola Caputo del Pd, che chiede all’aula del centro direzionale di istituire il Consiglio delle Autonomie locali (Cal).
“E’ un organismo – scrive Caputo nella relazione di accompagnamento del testo – già previsto dall’articolo 123 della Costituzione”. Il Cal dovrebbe garantire il decentramento delle funzioni amministrative dalla Regione Campania agli enti locali e favorire processi di partecipazione di Comuni, Province, Comunità Montane ed altre realtà territoriali alle decisioni adottate nelle stanze di Palazzo Santa Lucia. Per la composizione Caputo ha pensato a un meccanismo elettivo facendo salva la partecipazione di diritto per i presidenti delle Province ed i sindaci dei Comuni capoluogo della Campania.
Il punto da discutere è incentrato sui compensi da assegnare a presidente e vice presidente dell’organismo, per i quali è prevista un’indennità pari al 30 per cento di quella percepita dai membri dell’ufficio di presidenza del consiglio regionale della Campania.
I buoni rapporti che intercorrono negli ultimi tempi tra Pdl e Pd al parlamentino possono però tranquillamente favorire il raggiungimento di un accordo in tempi brevi. Il Consiglio delle Autonomie locali deve diventare, nelle intenzioni di chi ha concepito la sua formazione, un centro dinamico che possa raccordare Regione Campania ed enti locali più che una struttura burocratica o di gestione del potere. La proposta è all’esame delle commissioni Affari istituzionali e Bilancio. Il Cal, se passa la normativa, avrà una durata di tre anni e al termine di ogni stagione presenterà un rapporto sull’attività amministrativa della Regione evidenziando gli aspetti da migliorare e le azioni da consolidare. “Il Consiglio – sottolinea Caputo – garantisce la massima partecipazione agli enti locali ed un’ampia condivisione delle scelte adottate per migliorare le condizioni di vita dei cittadini”.
Il provvedimento in pillole
• Istituzione del Consiglio delle Autonomie locali (Cal)
• Compiti del Cal: garantire decentramento amministrativo e partecipazione degli enti locali alle decisioni della Regione Campania
• Sede del Cal: presso il consiglio regionale della Campania
• Composizione del Cal: 40 membri
• Membri di diritto: presidenti delle Province e sindaci dei Comuni
capoluogo della Campania
• Composizione del Cal: elettiva
• Definizione di un regolamento interno per il funzionamento del Cal
• Elaborazione di un rapporto annuale da parte del Cal su attività amministrativa della Regione Campania
• Durata del Cal: 3 anni
• Compenso per presidente e vice presidente del Cal: 30 per cento dell’indennità di funzione dei membri dell’ufficio di presidenza del consiglio regionale della Campania

 

 

fonte: il denaro

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019