Riapertura Cilentana ostacolata dai costi? Pd: «Se servono volontari noi ci siamo. Politica risolva i problemi»

Se il problema della riapertura totale della strada Cilentana è rappresentato dai costi per un presidio h24 (52mila euro per per 80 ore di presidio?), come dice il presidente della provincia Giuseppe Canfora, il Pd di Vallo della Lucania ha la soluzione. A dirlo è il segretario Riccardo Ruocco: «Al di là delle differenti soluzioni tecniche che avevamo individuato e prospettato, vanno sicuramente riconosciuti dei meriti  alla Provincia per quanto realizzato in meno di un anno ma se le condizioni di sicurezza lo consentono la Cilentana va aperta al transito sempre e non solo nei weekend». «La soluzione  potrebbe essere quella di attivare un sistema di videosorveglianza (quindi senza bisogno di vigilanza fisica) collegato ad una centrale operativa pronta ad intervenire». Secondo Ruocco «ai cittadini, con tutte le tasse che si pagano, poco interessano i costi per affrontare le emergenze ma la soluzione dei problemi e la politica deve risolvere i problemi a qualsiasi costo», «d’altronde – aggiunge il segretario  – il denaro pubblico per pagare consulenze, indennità e stipendi si trova sempre anche in tempi di crisi». «Servono volontari per il presidio? – aggiunge – Il Pd di Vallo sin da ora mette a disposizione 10 unità.  Ognuno faccia la sua parte, dopo 3 anni le chiacchiere non servono più, il Cilento da questa vicenda ha subito danni pesantissimi e molto probabilmente irreversibili. Ora occorre – conclude Ruocco – che si investano subito risorse  importanti  nel campo del marketing strategico, nelle tecnologie e  nei servizi turistici». 

©Riproduzione riservata