Agropoli, rifiuti: strigliata del sindaco Alfieri agli operai della Yele

Infante viaggi

«Chi non fa il proprio dovere va a casa». E’ la dura presa di posizione del sindaco Franco Alfieri verso gli operai della Yele, la società che svolge il servizio di raccolta dei rifiuti sul territorio cittadino. Il primo cittadino agropolese, l’assessore all’ ambiente Antonio Pepe e altri membri dell’amministrazione comunale, hanno incontrato questa mattina gli operai e il direttore della Yele, Sergio Di Blasi, per fare il punto sull’attività di raccolta dei rifiuti e pulizia della città.

«Premessa l’inciviltà di alcuni cittadini che abbandonano indiscriminatamente i rifiuti – ha affermato il sindaco Alfieri – l’ amministrazione comunale non è soddisfatta del servizio di raccolta dei rifiuti. Abbiamo investito 3 milioni di euro, è partita la raccolta differenziata sulla maggior parte del territorio, ma allo stato attuale, in piena estate, la città non è pulita. Da oggi, quindi, si cambia registro. Metteremo, infatti, in atto una serie di controlli per verificare l’efficienza degli operai e della Yele e siamo pronti a mandare a casa chi non svolge il proprio dovere. Inaspriremo al massimo – ha aggiunto, inoltre, il primo cittadino -le sanzioni per i cittadini che non rispettano orari e modalità di conferimento dei rifiuti, avendo presente che in Campania l’abbandono di rifiuti ingombranti è reato penale, e a breve partirà una squadra di vigili urbani dedicata a specifici controlli».

  • assicurazioni assitur

Fonte: infoagropoli.it

assicurazioni assitur