• Home
  • Comuni
  • Agropoli
  • «Sanità non adeguata all’ospedale di Agropoli e Vallo della Lucania»

«Sanità non adeguata all’ospedale di Agropoli e Vallo della Lucania»

di Antonio Vuolo

Il consigliere regionale della Lega Attilio Pierro ha presentato interrogazione per chiedere chiarimenti urgenti sulla carenza di personale presso l’ospedale San Luca – DEA Vallo – Agropoli e gli altri presidi ospedalieri della Provincia di Salerno.

Il presidio ospedaliero di Vallo della Lucania versa in una grave carenza di personale di ogni ordine e grado i cui effetti si ripercuotono sia sulla funzionalità di alcuni reparti e sia sul rimanente personale, obbligato a svolgere numerosissime ore di straordinario per assicurare la copertura dei turni di servizio e raggiungere un target minimo di garanzia dei Lea. – dice l’esponente della Lega nel documento inoltrato al presidente della Giunta – Le UU.OO. Neurochirurgia, Centro Trasfusionale, Malattie Infettive, Chirurgia Vascolare, sono i reparti con la maggiore carenza di personale medico, senza dimenticare le difficoltà esistenti nelle Unità Oculistica e Otorino, accorpati da anni, Cardiologia e Urologia. Il P.O. di Polla, la riattivazione dei posti letto della medicina, chiusi in occasione dell’emergenza Covid-19, di grande importanza per il territorio, oltre al potenziamento della dotazione organica del personale sanitario, richiede con urgenza la definizione di percorsi che mettano in sicurezza utenti e lavoratori attraverso le modifiche strutturali che si rendono necessarie dal momento la Unità Operativa Complessa di Medicina è allocata sullo stesso piano ma in due corridoi non comunicanti tra loro. In alcune delle citate UU.OO. – denuncia Pierro – con funzione di alta specialità, allo stato hanno soltanto due Dirigenti Medici in servizio, tanto da non poter garantire il servizio d’urgenza nelle ore notturne e che talvolta si vedono costretti ad inviare all’esterno i campioni di sangue per la loro lavorazione».

«La riapertura parziale del P.O. di Agropoli, certamente importante, ha richiesto il trasferimento di alcune figure sanitarie necessarie per farlo funzionare e che purtroppo sono state sottratte al P.O. di Vallo della Lucania. Ad oggi, – precisa con disappunto il consigliere regionale nell’interrogazione – più di una direzione delle richiamate UU.OO. è affidata ad un Dirigente supplente non essendo stati ancora avviati i concorsi per coprire i posti vuoti di Dirigente di 1 Fascia né tantomeno risultano avviate le procedure e gli avvisi per l’assunzione di infermieri e di tecnici, la cui carenza, molto spesso, compromette il regolare funzionamento delle UU.OO. L’offerta sanitaria nell’area di competenza del P.O. di Vallo della Lucania è insufficiente per il territorio, atteso il dato che alla popolazione ivi residente, nei mesi estivi si aggiunge quella dei turisti presenti nelle vicine località di mare, i disagi a cui è sottoposto il personale sanitario, costretto a subire carichi di lavoro e turni oggettivamente intollerabili, espongono tutti a notevole rischio, prima fra tutti i pazienti a loro affidati».

«Siamo, purtroppo, come raccontano anche le cronache locali, davanti ad una sanità non adeguata, rispetto a quella garantita nelle località turistiche di altre regioni e che determina un grave pregiudizio nei confronti di tutta la sanità della Campania. – prosegue Pierro – La situazione descritta per l’ospedale San Luca di Vallo della Lucania, è la stessa registrata anche per gli altri P.O. della Provincia di Salerno (da Polla a Sarno, da Sapri a Scafati, da Battipaglia a Salerno a tutti gli altri), tant’è vero che il vicesindaco di Roccadaspide, adottando un gesto coraggioso e di grande responsabilità a difesa della propria comunità, ha recentemente presentato un esposto alla competente Procura della Repubblica denunciando le condizioni critiche in cui versa il P.O. della città».

«Ho provveduto – conclude – a chiedere risposte urgenti al presidente De Luca per sapere se intende doverosamente intervenire e dare indicazioni per la soluzione dei problemi suesposti, che si ricorda sono essenzialmente determinati dalla mancanza di personale sanitario, sia presso il P.O. San Luca – DEA Vallo – Agropoli, sia presso tutti gli altri presidi ospedalieri della Provincia di Salerno».

©Riproduzione riservata




A Cura di

Antonio Vuolo

Giornalista e comunicatore per passione e per professione da ormai oltre 10 anni, se non ho perso il conto. Il segreto? Avere dentro di sé sempre la stessa curiosità di un bambino. Mi appassionano i temi legati soprattutto alle questioni di attualità, allo sport, al territorio. Quando non sto con una penna in mano o una telecamera davanti, potete “trovarmi” in giro in qualche angolo del Cilento o del mondo, oppure più semplicemente in un bar a sorseggiare un calice di vino con gli amici.
Tutti gli articoli di Antonio Vuolo

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019