• Home
  • Politica
  • Taglio delle guardie mediche nell’ex Asl Sa3. Cobellis: provvedimento illegittimo

Taglio delle guardie mediche nell’ex Asl Sa3. Cobellis: provvedimento illegittimo

di Rito Ruggeri

Rivedere un provvedimento che, di fatto, è illegittimo perché non tiene conto delle effettive esigenze sanitarie della popolazione residente né ha visto il doveroso coinvolgimento dei sindaci. È quanto chiude il consigliere regionale Luigi Cobellis, capogruppo dell’Udc, al commissario straordinario dell’Asl Salerno, Francesco De Simone, in una lettera inviata ieri (15 settembre). La questione è quella relativa al drastico taglio dei presidi di continuità assistenziale della ex ASL SA/3, ovvero le ex guardie mediche, deciso dall’Asl con la delibera aziendale n.1478/2010.
«I criteri di organizzazione del servizio di continuità assistenziale nel territorio dell’ex Asl Salerno 3, comprendente 94 Comuni su un’estensione di circa 3.000 chilometri quadrati, devono tenere conto di due necessità – scrive infatti l’on. Cobellis – Innanzitutto, va considerata la tempestività e l’efficienza per la popolazione di un servizio sanitario su un territorio così vasto e con difficili comunicazioni viarie. In secondo luogo, si devono tenere presenti le   caratteristiche di “Area disagiata” della quasi totalità di questo ambito. Tale peculiarità è stata riconosciuta dalla Regione Campania ed è presente anche nelle Direttive assessorili n. 0439033/2007 e 0317854/2009, che proprio applicando il coefficiente previsto per le “Aree disagiate” hanno stabilito la dotazione organica dei sanitari di continuità assistenziale».
«La recente delibera aziendale n. 1478/2010 – rimarca Cobellis – non recepisce nessuna di queste indicazioni, ma effettua una semplice operazione contabile dividendo il numero dei sanitari previsti globalmente per l’ex Asl Salerno 3 per otto (cifra prevista per ogni postazione) e ricavando così il numero delle postazioni di continuità assistenziale. In questa operazione però non si tiene in alcun conto di alcune doverose considerazioni. Oggi, infatti, non esistono più tre Asl, ma una sola, ed appare difficile comprendere come nell’area più vasta, che comprende i due terzi della provincia, debba esservi un terzo dei medici e un quarto dei presidi di Continuità assistenziale. Ancora, la definizione di “Area disagiata” non determina solo un contingente numerico maggiore, ma anche la possibilità (prevista dalle citate Direttive Assorili) di organizzare Presidi distrettuali e Presidi satelliti, che meglio servirebbero un territorio con tali caratteristiche. In terzo luogo, il servizio di Continuità assistenziale deve innanzitutto rispondere alle esigenze dei cittadini e pertanto appare inverosimile il rispetto della necessità di sanità quando si realizzano Presidi come quelli di Vallo della Lucania e Sapri con ambiti territoriali enormi o come quelli di Roscigno, in cui vi sono Comuni lontanissimi dal Presidio. Infine, non si può scrivere in delibera che “non è possibile l’utilizzo dei sanitari di continuità assistenziale nel sevizio di emergenza 118”, visto che è dovere di ogni medico prestare soccorso ai sensi del Codice deontologico, e visto altresì che il territorio di oltre 3.000 kmq non può essere coperto integralmente dal sistema 118: la fase così scritta apre probabili contenziosi e rende l’Asl responsabile di omissioni di soccorso».
«La stessa Azienda sanitaria locale – ricorda il consigliere regionale – circa 50 giorni prima aveva approvato la delibera n. 955 che, anche se non si muoveva nella logica dell’Azienda provinciale unica e conteneva qualche errore formale nella ripartizione dei Comuni nei vari Presidi, era però più rispettosa delle esigenze dei cittadini e ripartiva i sanitari di continuità assistenziale in maniera più uniforme sul territorio. Non si capisce perché la predetta delibera sia stata frettolosamente revocata per far posto alla n. 1478, il cui oggetto in maniera più appropriata sarebbe potuto essere: organizzazione del servizio di discontinuità assistenziale».
Di qui la richiesta di Cobellis al commissario De Simone «di voler avviare una utile fase di confronto con le istituzioni locali finalizzata a rivedere l’impianto complessivo delle delibere con la istituzione di presidi di continuità assistenziale “satelliti” (così come previsto dalla direttiva assessorile 439033 del 2007), al fine di poter rispettare adeguati tempi di prestazione sanitaria, integrando tali presidi con le altre strutture funzionali dall’aziende stessa».

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019