• Home
  • Cronaca
  • Sapri s’illumina di speranza: «Siamo vicini al popolo ucraino. Basta guerra»

Sapri s’illumina di speranza: «Siamo vicini al popolo ucraino. Basta guerra»

di Maria Emilia Cobucci

L’inno di un popolo, quello ucraino, è risuonato ieri sera tra le strade della città di Sapri per dimostrare la totale vicinanza all’Ucraina e alla sua comunità presente nel Golfo di Policastro. Un abbraccio virtuale all’intero popolo ucraino vessato da una guerra condannata a viva voce dagli amministratori del Golfo, dai giovani delle scuole, dai rappresentanti delle diverse associazioni e dai parroci della cittadina.

Ma soprattutto dalla folta comunità ucraina che con orgoglio ha sventolano la bandiera della propria nazione. Una fiaccolata accompagnata da un momento di profonda riflessione, con sentite testimonianze, che si è svolta in località Santa Croce, ai piedi della Specola, simbolo della cittadina. No alla guerra, è stato l’appello lanciato più volte nel corso della serata. Un pensiero ribadito fortemente dai due parroci Don Enzo Morabito e Don Raffaele Brusco e dai diversi amministratori presenti: dal Sindaco di Sapri Antonio Gentile, di Vibonati Manuel Borrelli, di Torraca Francesco Bianco, di San Giovanni a Piro Ferdinado Palazzo e dal delegato del Comune di Ispani Antonio Ionnito.

Così come dal sindacaliata della FP CGIL Mimmo Vrenna, dal presidente dell’associazione “Battiti di Pesca” Antonio Scarfone e dall’associazione “Una goccia nell’oceano – Onlus. Parole di condanna per tutto ciò che sta accadendo in Ucraina che arrivano in maniera incisiva anche dalla comunità presente nel Golfo Policastro. “È una guerra ingiusta che noi non vogliamo”, affermano con la voce rotta dalla commozione ma anche dalla paura i rappresentanti della comunità ucraina presenti. “Questa sera sono presenti accanto a noi anche i nostri amici della Moldavia, della Bulgaria e della Russia – ci tengono a ribadire – ai quali va il nostro ringraziamento che noi vogliamo però rivolgere in particolare modo agli abitanti del Golfo di Policastro e a tutti gli italiani che hanno mostrato piena vicinanza al nostro popolo”.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Maria Emilia Cobucci

Giornalista per scelta ma anche per passione. Da sempre. Testarda e determinata come ogni cilentana che si rispetti. Amo raccontare il mio territorio, ricco di bellezze ma anche di tante storie che tutti dovrebbero conoscere.
Tutti gli articoli di Maria Emilia Cobucci

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019