Sapri, violenze su 16enne a scuola: video su Whatsapp e caso in tribunale

Infante viaggi

Il caso dello studente di 16 anni residente nel golfo di Policastro e finito al centro di un attacco da parte di due presunti bulli di 17 e 18 anni, è finito sui banchi del tribunale dei Minori di Potenza. I fatti risalgono al 2018 quando un video divenuto poi virale sulla famosa app di messaggistica instantanea, WhatsApp, ritraeva i due ragazzi, di Sanza e Vibonati, che si prendevano gioco del 16enne. Nei bagni dell’istituto di istruzione superiore ‘Carlo Pisacane’ di Sapri accadeva quello che poi veniva ripreso dalla fotocamera di un cellulare. Il filmato è arrivato sullo smartphone dei genitori della presunta vittima che hanno esposto denuncia. Alla prima udienza, i due minori, finiti nel registro degli indagati, erano presenti insieme ai familiari e ai loro legali.

«Per quanto riguarda il video per il quale entrambi i ragazzi furono già sottoposti a bocciatura, i ragazzi hanno capito l’errore – hanno dichiarato gli avvocati Castaldi e Paladino al quotidiano Ondanews -. Per tale motivo abbiamo richiesto un programma di messa alla prova da parte dei servizi sociali. Invece per tutto ciò che va oltre il video non c’è nessuna ammissione di responsabilità da parte di entrambe i ragazzi non essendoci alcun elemento probatorio che dimostri altri tipi di violenza perpetrata ai danni del 16enne. Ci auspichiamo che al termine della vicenda tutte le parti coinvolte ne escano nel migliore dei modi e che i due giovani riprendano la loro dignità sociale per un evento che è andato al di là di quello che loro immaginavano». Prossima udienza il 28 aprile 2020.

  • assicurazioni assitur

©Riproduzione riservata

assicurazioni assitur