• Home
  • Politica
  • Scoppia il caso, Renzi: «De Luca quereli Di Maio, vedrò udienza con pop corn»

Scoppia il caso, Renzi: «De Luca quereli Di Maio, vedrò udienza con pop corn»

di Redazione

Roberto De Luca lascia, ma non è affatto una resa. Il figlio del governatore della Campania si dimette da assessore al Bilancio del Comune di Salerno, dopo il suo coinvolgimento nell’inchiesta su tangenti e rifiuti nata dai video di Fanpage, e contrattacca: «Non intendo offrire alibi a nessuno, ne’ pretesti per operazioni di aggressione politica. Ma è chiaro a tutti che è stata messa in piedi, con l’ingaggio addirittura di ex camorristi, una provocazione vergognosa, per inquinare e condizionare la campagna elettorale. Una vicenda oscura».

Il passo indietro
De Luca jr, 34 anni, prende la parola a sorpresa, a Salerno, durante un incontro per la presentazione dei candidati dem alle elezioni. In prima fila c’è suo padre Vincenzo, con il fratello maggiore Piero che corre alla Camera. Dimissioni inattese, dopo che ieri il governatore aveva avvertito: «Se pensate di ricattarci, anche con l’uso di camorristi, non perdete tempo. Andremo avanti a carro armato». Roberto, il diplomatico di famiglia, il delfino che molti immaginano futuro sindaco di Salerno, sceglie invece di lasciare: ribadendo la fiducia nei magistrati e la propria innocenza («Non c’è assolutamente nulla di nulla») e invitando a concludere con slancio la campagna elettorale «perchè dobbiamo contrastare, con tutte le forze, il processo di imbarbarimento che tocca la vita pubblica del nostro Paese».

L’aggressione
La platea salernitana gli tributa un’ovazione, ma il clima è teso e una donna insulta una cronista di Fanpage, poi le allunga addirittura uno schiaffo. Episodio che scatena le reazioni, anzitutto di Luigi Di Maio: «Sono nati comunisti e stanno morendo squadristi. Ma i giornalisti di Fanpage non sono soli: gli italiani hanno bisogno di inchieste come le vostre». Liberi e Uguali denuncia il «clima pesante» in Campania. In serata Matteo Richetti esprime alla cronista «la solidarietà di tutto il Pd».

Le dimissioni dunque non placano le polemiche, anzi. I Cinquestelle confermano i flash mob già convocati per domani a Napoli e a Salerno contro «la dynasty dei De Luca». Per Matteo Renzi quello di Roberto «è un gesto personale che lui ha fatto con grande serietà. Sono garantista, non avrei mai chiesto dimissioni dopo un avviso di garanzia, ma ho apprezzato. Spero che querelerà Di Maio che gli ha dato dell’assassino e spero che Di Maio rinunci all’immunità parlamentare, se è un uomo». Il candidato premier del M5s invece insiste sul caso della cronista aggredita: «E’ vergognoso che il segretario del Pd e il presidente del Consiglio non abbiano preso posizione su questa vicenda ignobile. Ma con l’omertà e con gli schiaffi alle giornaliste non cambieremo mai questo Paese».

L’inchiesta prosegue
Intanto il pool di magistrati napoletani riprenderà oggi, lunedì, dopo l’esame dei documenti sequestrati negli uffici degli indagati: obiettivo, cercare riscontri alle ipotesi corruttive che emergono dai filmati di Fanpage. Nel caso di Roberto De Luca sotto i riflettori c’è l’incontro con l’ex camorrista pentito Nunzio Perrella, che nel ruolo di ‘agente provocatore’ (figura che la legge “vieta categoricamente”, ricorda il ministro Minniti) si finge imprenditore nel settore dei rifiuti e ottiene un incontro a Salerno. Il giorno dopo, con un collaboratore di De Luca jr, si parlera’ di mazzette per ottenere un appalto regionale per la rimozione delle ecoballe.

Tra gli indagati dalla procura, nel filone parallelo sulla Sma, la società regionale per le bonifiche, anche un altro politico, il consigliere regionale Fdi e candidato alla Camera Luciano Passariello. «Non ho gli elementi per giudicare Passariello, speriamo di avere qualcosa in più anche nelle prossime ore per poter fare chiarezza», commenta Giorgia Meloni.

Da Palazzo Città
«Roberto ha rimesso nelle mie mani le sue deleghe rette, peraltro, con grande competenza e serietà. E’ stato un gesto di grande generosità, di onestà intellettuale e di rigore personale, assunto in piena autonomia, ancora più encomiabile se si considera la consapevolezza della sua totale estraneità a quanto riportato nelle notizie di questi giorni». Così il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli sulle dimissioni di Roberto De Luca.

«Stiamo assistendo – prosegue – ad una colossale mistificazione, una provocazione, costruita col ricorso ad espedienti miserabili e vergognosi, col concorso di oscuri personaggi dal passato inconfessabile e il tutto concepito per inquinare con una tempistica precisa, lo svolgimento della campagna elettorale. Si è provato a far deragliare il dibattito democratico dai binari del confronto dei programmi e delle idee, indispensabile agli elettori per formarsi un convincimento razionale con la conseguente espressione di un voto libero e ragionato, per trasferirlo sul terreno dello scandalismo, della confusione e della palude dell’indistinto e della maldicenza maligna. Noi non ci faremo distrarre e manterremo il confronto sul piano dei progetti e dei programmi»

«La mia dichiarazione resa a caldo qualche giorno fa la ribadisco pienamente: massima fiducia nella Magistratura nella certezza che accenderà i riflettori a 360 gradi, ma altrettanta fiducia in Roberto delle cui qualità umane, professionali, politiche e morali sono assolutamente certo», conclude il sindaco di Salerno.

©

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019