• Home
  • Cronaca
  • Sentiero Italia Cai: nel Parco nazionale del Cilento nasce la rete dei “Punti accoglienza Cai”

Sentiero Italia Cai: nel Parco nazionale del Cilento nasce la rete dei “Punti accoglienza Cai”

di Redazione

Un sentiero di lunga percorrenza ha una necessità importantissima: poter disporre, all’inizio e alla fine di ogni tappa, di adeguati Punti di accoglienza, fondamentali per i camminatori. «Grazie al CAI – Club Alpino Italiano nel territorio dell’ Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni abbiamo costruito una rete di strutture (in continua crescita) che assicurano agli escursionisti vitto e alloggio, il cui personale offre, inoltre, adeguate informazioni con particolare riferimento alle tappe limitrofe», spiega Andrea Scagano sottosezione CAI Montano Antilia.

«Nonostante la crisi economica diffusa e lo spopolamento dei piccoli borghi e delle comunità montane, da qualche anno continuiamo ad assistere a un’inversione di tendenza: chi ha abbandonato i campi e i monti per andare alla ricerca di lavoro a valle o nelle città, ora torna nei luoghi che gli sono sempre appartenuti. Lo fa per ritrovare un’identità perduta e per offrire nuove opportunità a se stesso e al paese. – aggiunge Scagano – Sempre più spesso si investe sul turismo lento ed esperienziale, sui servizi alla persona, sull’allevamento e sulla produzione enogastronomica. Il tutto sposando modernità e antichi saperi, innovazione, tecnologia e solidarietà».

La rete dei punti di accoglienza sul Sentiero Italia CAI e la sentieristica nel territorio dell’ Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, saranno tra gli obiettivi primari della Sottosezione CAI Montano Antilia in questa fase di ripartenza in perfetta sinergia con gli enti comunali ed il Parco. Al momento lungo i circa 80 km di sentiero italia nel territorio Cilentano abbiamo già attivato tre punti CAI nei Comuni di Sanza, Piaggine e Sacco.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019