• Home
  • Cronaca
  • Operato al ginocchio muore a 14 anni. L’Asl: collaboreremo con la magistratura. Il commissario chiede una relazione dettagliata

Operato al ginocchio muore a 14 anni. L’Asl: collaboreremo con la magistratura. Il commissario chiede una relazione dettagliata

di Redazione

Un intervento chirurgico al ginocchio è costato la vita a Jacopo De Martino, un ragazzo 14enne di Marina di Camerota. L’Asl promette di collaborare con gli inquirenti, mentre il commissario chiede una relazione dettagliata su tutte le fasi dell’accaduto. Ecco la ricostruzione.

Un tragico giorno

Nel primo pomeriggio di ieri il giovane si era sottoposto ad un’operazione di ricostruzione di un frammento osseo del ginocchio sinistro, dopo una lunga convalescenza e un recupero che duravano da diversi mesi, in conseguenza di un grave incidente avvenuto l’estate scorsa, allorchè si era schiantato a bordo di uno scooter contro un muretto, in via Sirene a Marina di Camerota. L’intervento è avvenuto in una sala operatoria dell’ospedale San Luca di Vallo della Lucania. Poi intorno alle 21 i medici hanno comunicato ai genitori di Jacopo De Martino che loro figlio era morto.

L’indagine

Sulla vicenda la Procura della Repubblica di Vallo della Lucania ha aperto un’inchiesta. Il titolare delle indagini, il sostituto procuratore Francesco Rotondo, ha provveduto a sequestrare le cartelle cliniche dell’ospedale e ha poi disposto l’ispezione, da parte dei Nas, della sala operatoria nella quale è stato effettuato l’intervento.

Il recupero

Jacopo De Martino seguiva da tempo delle terapie per il recupero della funzionalità dell’arto gravemente danneggiato nell’incidente avvenuto qualche mese fa, sottoponendosi sovente a delle sedute in camera iperbarica.

La denuncia dei familiari

Sulla tragica vicenda della morte del giovane, il legale della famiglia ha spiegato: "Questa mattina ho presentato un esposto-denuncia a nome dei familiari del ragazzo perchè si faccia al più presto chiarezza. L’intervento era di assoluta routine. Era stato programmato da tempo e nulla faceva presagire quanto sarebbe accaduto. Dopo l’operazione, il ragazzo è regolarmente rientrato in reparto e quando i familiari sono stati informati del decesso del figlio, i sanitari dell’ospedale non hanno fornito alcuna spiegazione".

La versione dell’Asl

In relazione alle cause che hanno portato al decesso del ragazzo, l’Asl, attraverso il responsabile dell’ufficio stampa, contattato dal giornaledelcilento.it, ha fatto sapere che "c’è la volontà di prestare la nostra collaborazione alla magistratura, che sta indagando sulla vicenda. Sull’accaduto, il commissario De Angelis ha chiesto una dettagliata relazione alla direzione sanitaria del presidio ospedaliero di Vallo della Lucania." Sulla possibilità che la morte del giovane Jacopo sia stata provocata da un’embolia, il portavoce dell’Asl ha detto: "Potrebbe essere, ma sulle cause precise del decesso sono in corso gli accertamenti e le indagini."

Autopsia per fare verità

Per i chiarimenti definitivi sulle cause che hanno portato alla morte di un ragazzo di quattordici anni, che ha perso la vita dopo essere stato sottoposto ad un intervento al ginocchio, si attende l’autopsia che dovrebbe essere effettuata nei prossimi giorni.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019