• Home
  • Politica
  • L’opposizione non si accontenta: chiede garanzie sulla sospensione della terza rata TARSU

L’opposizione non si accontenta: chiede garanzie sulla sospensione della terza rata TARSU

di Redazione

L’opposizione annuncia battaglia sulla questione Tarsu: "Chiediamo chiarezza al sindaco sui provvedimenti che hanno accompagnato l’annunciata riduzione della Tassa sulla spazzatura. Esigiamo garanzie affinchè i cittadini abbiamo la certezza che la terza rata sia stata effettivamente ridotta. Ad oggi non risulta nessun provvedimento ufficiale. C’è solo una delibera di giunta, dove, per altro, si parla di sospensione temporanea. Pretendiamo che il sindaco riferisca al consiglio comunale con quale copertura finanziaria ha garantito l’operazione. Se l’assessore Guzzo e il sindaco Bortone non porteranno documenti che accertino l’effettiva riduzione della tassa, ne dovranno rispondere politicamente alla popolazione. Noi- conclude la breve nota dell’opposizione- non consentiremo che la popolazione venga presa in giro né che venga messo a rischio il patrimonio finanziario del comune di Camerota".
 
Di seguito riportiamo il testo del manifesto apparso questa mattina sulle mura del Comune di Camerota:
 
 
BUGIARDI !!!
LE 10 BUGIE DEL SINDACO BORTONE E LA FORZA DI UN’OPPOSIZIONE VERA

Ancora una volta il sindaco Bortone utilizza le bugie come mezzo per difendere gli errori dell’amministrazione comunale. L’ultimo manifesto affisso per le strade del comune dal gruppo consiliare "Impegno per Camerota" contiene una serie di falsità che vanno smascherate.

Prima bugia: il sindaco si vanta di aver sistemato le strade del comune, ma non dice ai cittadini che ha utilizzato una rimanenza di fondi del 2006 destinata dalla passata amministrazione interamente alla viabilità.

Secondo bugia: Il sindaco dice di aver sistemato le scuole, ma non dice ai cittadini che ha usufruito di un finanziamento del Ministero dell’economia ottenuto dalla passata amministrazione per il 2004, 2005 e 2006. Intanto i lavori della scuola nuova di Licusati sono fermi ( circa 650.000 €) e la comunità di quella frazione rischia di perdere una grande opportunità . Che fine hanno fatto questi soldi ?

Terza bugia: Il sindaco si attribuisce il merito di aver ridotto la TARSU del 33% eppure fino a qualche settimana fa diceva agli operatori turistici che non si poteva fare nulla per risolvere questo problema. Solo dopo l’iniziativa dell’opposizione consiliare e di un gruppo di cittadini è tornato sui suoi passi. Siamo contenti! Ora, sempre per tutelare gli interessi dei cittadini, restiamo vigili in attesa di atti concreti visto che ancora nulla di ufficiale risulta essere stato fatto!!! Chiediamo al sindaco di portare al prossimo consiglio comunale la documentazione (le delibere e le certificazioni) che attestano la riduzione della tassa della spazzatura, e l’annullamento (non la sospensione!!!) del ruolo, altrimenti tale promessa potrebbe trasformarsi in un assegno a vuoto e tra qualche mese i cittadini potrebbero trovarsi a pagare interessi e sanzioni. Speriamo che l’annuncio della diminuzione della TARSU non sia un’altra presa in giro come l’annuncio fasullo del consiglio comunale, la fermata del metrò del mare, l’apertura della variante Castello e la sistemazione della condotta sottomarina! La battaglia dell’opposizione per la riduzione della Tarsu non si ferma!!!

Quarta bugia: Bortone si vanta di una migliore gestione della società Portuale e per l’ennesima volta (dopo averlo accuratamente nascosto in campagna elettorale) umilia il vicesindaco Orlando Laino, così bravo a gestire il Porto da non essere riconfermato in quella delega che aveva avuto per ben 10 anni. Quindi sindaco non se la prenda con l’opposizione ma con il suo vicesindaco, che è stato nell’ultimo decennio il padre padrone del porto!

Quinta bugia: Il sindaco dice che la gestione dei parcheggi è stata migliore rispetto al passato. Siamo contenti. Allora sindaco perché una bella tirata di orecchie non la fa al consigliere di amministrazione da sempre in carica, ovvero Antonio Calicchio, fratello dell’assessore Giuseppe Calicchio?

Sesta bugia: Il sindaco si vanta di aver stanato gli evasori, ma nei riguardi di quelli a lui più vicini non prende alcun provvedimento. Amici e amici degli amici che vengono accusati di non "dichiarare" nulla ai fini Ici e Tarsu, non solo non sentono il dovere di spiegare alla cittadinanza la propria posizione, ma addirittura vengono "graziati" dal sindaco sceriffo che fa si fa forte con i deboli e debole con i forti! Evviva la legalità!

Settima bugia: Il sindaco insieme all’assessore Guzzo sono andati in tv a dire che la loro amministrazione è "trasparente". A sbugiardarli ci sono i documenti e gli atti ufficiali. Ci sono richieste dell’opposizione che attendono risposta da oltre 3 mesi! Cosa avete da nascondere?

Ottava bugia: Bortone ha detto che il comune di Camerota è pieno di debiti. Caro sindaco perché non dici ai cittadini che quando hai assunto la segretaria personale e il portavoce sulla delibera n. 14 dell’08/07/2009 la tua Giunta- con voto unanime – ha dato atto che il comune di Camerota "non ha dichiarato il dissesto e non versa in situazione strutturalmente deficitaria"? Forse perché quei cittadini, a cui stai spillando un sacco di soldi con tasse sempre più alte, non l’avrebbero presa bene? Forse perché avrebbero capito che la storia del comune indebitato è una delle tue tante bugie?

Nona bugia: Il sindaco ha detto che la gestione della spazzatura andava male perché i cittadini sono incivili!
Signor sindaco perché non chiede agli operatori commerciali ed alla cittadinanza come è andato il servizio di nettezza urbana questa estate, in tutto il territorio comunale?

Decima bugia: Il sindaco ancora non ha spiegato perché ha fatto girare una macchina che annunciava un orario fasullo di inizio del consiglio comunale. Cosa non dovevano ascoltare i cittadini? Forse un’interrogazione che la riguarda direttamente? Ancora una volta ha mentito ai cittadini!

E intanto la disoccupazione incalza, i cantieri sono fermi, molti giovani iniziano a lasciare il proprio paese per cercare lavoro altrove, i finanziamenti europei ci stanno sfuggendo sotto il naso, le imprese turistiche annaspano, i lavori pubblici non hanno un coordinamento in grado di farli ripartire. E i nostri amministratori, che fanno? Litigano su chi dovrà mettere le mani sulla società in house. Male, malissimo…praticamente un disastro.

Ancora una volta: VERGOGNATEVI !!!

 

Gruppo "Insieme cambierà"

Antonio Romano
Mario Salvatore Scarpitta
 

 

Gruppo "Forza Camerota"

Massimiliano Coppola  
Francesco Leo
Ciro Troccoli

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019