• Home
  • Cronaca
  • Sicurezza Sala Consilina, Bellacosa: “non ci sono ragioni di allarmismo”

Sicurezza Sala Consilina, Bellacosa: “non ci sono ragioni di allarmismo”

di Redazione

«Mi dispiace di tanto risalto sugli organi di informazione locale per la notizia di problemi di sicurezza nella città di Sala Consilina». Lo riferisce l’Assessore alla Legalità e Sicurezza della Provincia di Salerno, Adriano Bellacosa. «Avendone appreso – continua Bellacosa- ho sollecitato un incontro con il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Gregorio De Marco e con il Comandante della Compagnia di Sala Consilina, Domenico Mastrogiacomo. Ritenevo fosse un mio dovere di verificare il fondamento della notizia, nella mia funzione di Assessore alla Sicurezza della Provincia di Salerno. Ed ho dovuto apprezzare la particolare solerzia dell’Arma dei Carabinieri per la immediata disponibilità ad un incontro avvenuto nei successivi due giorni. Ne ho ricavato, però, che non c’e’ ragione di allarme la comunità salese e non risulta segnalato alcun reale pericolo per la quiete cittadina, oltre che per la sicurezza della città, come segnalatoci da qualche locale. Sento di esortare tutti quanti ad una maggiore tolleranza, oltre che ad un più attento confronto con le Istituzioni». L’Assessore Bellacosa precisa, inoltre, su alcune dinamiche politiche in atto nel Comune di Sala Consilina: « Trovo antipatico – prosegue – che dalla terra del Vallo di Diano, alla quale sono tanto legato e di cui sono originario, vengano notizie fuorvianti. Come quella di un Assessore al Comune di Sala Consilina, che riferisce di dover riflettere su un incarico proposto dal Presidente della Provincia di Salerno, che mai ha fatto quella proposta. Nelle Istituzioni ed in politica, non si deve vivere di fantasia. E’ lecito sognare, ma è meglio tenersi aderenti alla realtà e pensare a realizzare una buona azione amministrativa, se si è impegnati in politica».
Palazzo Sant’Agostino, 29 aprile 2010

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019