• Home
  • Cronaca
  • Capaccio: l’umido si manda in Puglia, i cittadini risparmiano il 10% sulla Tarsu

Capaccio: l’umido si manda in Puglia, i cittadini risparmiano il 10% sulla Tarsu

di Redazione

Con l’avvicinarsi delle elezioni, il problema dello smaltimento dei rifiuti rimane una delle questioni calde riguardanti la regione Campania, soprattutto ora che è stata sancita ufficialmente la fine della gestione commissariale e il trasferimento delle competenze nelle mani degli enti territoriali- Province in primis.

In questo quadro, secondo quanto è stato riferito in queste ore dal primo cittadino, sarà di almeno il 10% il risparmio di cui i cittadini di Capaccio usufruiranno grazie alla diminuzione dei costi di conferimento richiesti dalla Progeva Srl di Laterza .

L’amministrazione comunale di Capaccio Paestum, insieme a rappresentanti di categoria, imprenditori agricoli locali e cittadini, lo scorso 11 dicembre ha effettuato una visita all’impianto di compostaggio – tra i più grandi del Sud Italia- della società "Progeva Srl" sito nell’agro di Laterza, in provincia di Taranto, che opera nel settore del recupero dei rifiuti organici non pericolosi. II sito, che si espande su una superficie di circa 30 mila metri quadrati, rappresenta una delle più importanti realtà del settore nel Mezzogiorno. Il sopralluogo, organizzato personalmente dal sindaco Pasquale Marino, era finalizzato ad approfondire la conoscenza dell’impianto che, dallo scorso mese di novembre, riceve la frazione relativa all’umido raccolta sul territorio comunale di Capaccio.

Il sindaco ha così analizzato e spiegato la situazione: "Ringrazio tutti coloro i quali hanno voluto partecipare alla trasferta in Puglia per fare visita ad una delle strutture più all’avanguardia nel campo dello smaltimento dei rifiuti gli imprenditori capaccesi e i rappresentanti delle categorie legate al settore dell’ortofrutta hanno potuto constatare, di persona, la valenza e l’alto grado di efficienza dell’impianto di Laterza, che abbiamo scelto già dal mese di novembre per il conferimento dell’umido. Questa decisione, che abbiamo intrapreso sulla base delle nostre valutazioni legate alle analisi che il nostro ufficio preposto ha svolto, consentirà un significativo abbassamento delle bollette Tarsu, in misura di almeno il 10%, grazie alla diminuzione dei costi di conferimento richiesti dalla Progeva Srl di Laterza".

 

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019