Offerta 2023

Serie D, Santa Maria show: poker al Paternò

| di
Serie D, Santa Maria show: poker al Paternò

Il Santa Maria continua il suo trend positivo con il 5 risultato utile consecutivo, portando a casa un successo mai in discussione contro il Paternò, offrendo una prestazione ai limiti della perfezione e dominando in un lungo e in largo per tutto il match. Sin dai primi minuti, il film della gara è chiaro: i giallorossi fanno la partita e il Paternò rimane attendista, pronto a ripartire in contropiede. Ma il finale è di 4 a 0.

La gara

Gli uomini di Di Gaetano sfondano soprattutto sulle fasce dove i rossoblù soffrono particolarmente. Infatti, al 27′, i padroni di casa vanno ad un passo dal vantaggio con una bella azione di Catalano sull’out di sinistra, cross perfetto per la testa di Johnson che colpisce a botta sicura ma trova la sfortunata deviazione involontaria di Mancini. Lo stesso Mancini, al 38′, sfiora il palo lasciato sguarnito da Mittica. Il forcing è continuo e al 43′ il Paternò crolla. Punizione del solito Catalano, pallone che scende perfetto per l’arrivo sul secondo palo di Coulibaly che in spaccata la insacca, 1-0.

Nel secondo tempo la gara non cambia, anzi, al primo vero affondo dei giallorossi, al 23′, arriva il raddoppio del nuovo entrato Ielo che lanciato da Maio, al suo primo pallone toccato mette a segno il suo secondo gol consecutivo. Il primo e unico squillo del Paternò, è affidato ad una conclusione dalla distanza di Saverino che si spegne sul fondo, al 31′. Forte del doppio vantaggio, il Santa Maria gioca sul velluto senza rischiarare praticamente nulla. Al 41′, Ielo vola sulla fascia e mette dentro un cioccolatino per Catalano che, da due passi e a porta vuota, può facilmente ribadire in rete per il 3-0. Ma non finisce qui, lo spettacolo giallorosso continua con il primo gol in maglia Polisportiva di Lucio Gaeta in pieno recupero, al 47′. Altro buco della difesa ospite e il nuovo arrivato dal mercato invernale finalizza al meglio l’ennesimo assist di Catalano per il 4-0 conclusivo.



©Riproduzione riservata
×