• Home
  • Politica
  • La Cab chiede agevolazioni per gli operatori. A breve un tavolo di concertazione sull’erosione

La Cab chiede agevolazioni per gli operatori. A breve un tavolo di concertazione sull’erosione

di Redazione

In un interrogazione parlamentare il senatore del pd Alfonso Andria ha chiesto al governo di intervenire per affrontare le grosse e molteplici difficoltà sorte nella provincia di Salerno in conseguenza del maltempo che nelle settimane passate ha flagellato spiagge, porti, lungomare e strada. Andria ha fatto riferimento, tra le altre cose, alle necessità di quantificare i danni, riconoscere, dove è necessario, lo stato di calamità e intervenire affinchè i cittadini penalizzati possano ricevere aiuti per le attività agricole e turistiche che allo stato attuale rischiano di essere gravemente colpite dagli effeti di mareggiate, frane e dissesti vari.

In particolare, il senatore si è soffermato sul caso degli stabilimenti balneari che, come quelli operanti sulla spiaggia di Cala del cefalo a Camerota, risultano colpiti in maniera significativa dall’erosione costiera. Andria ha chiesto al governo se intende intervenire per tutelare i gestori degli stabilimenti balneari, concedendo loro, per la stagione turistica 2010, la sospensione del pagamento dei canoni per le concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative. In relazione a questo punto, Raffaele Esposito, presidente dell’associazione dei balneari di Camerota, ha riferito. "Sono certamente d’accordo con proposte di questo tipo. E’ importante intervenire per trovare il modo di tutelare gli operatori che risultano danneggiati dalle mareggiate delle scorse settimane. E questo è ancora più vero per le strutture amovibili come le nostre, per le quali ovviamente non si può quantificare un danno su strutture presenti sul litorale. Se la spiaggia viene inghiottita dal mare, il danno è enorme. Dunque è necessario predisporre degli incentivi che possano alleviare le difficoltà degli operatori. Per quanto riguarda la sospensione del pagamento delle concessioni, è una decisione che poi dovrebbe prendere la Regione."

L’amministrazione di Camerota, secondo quanto affermato dal sindaco a più riprese, ha inoltrato le richieste per il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Ora, con ogni probabilità, verrà attivato un tavolo permanente di corcertazione per trovare accordi e soluzioni riguardanti l’allarmante problema degli effetti dell’erosione costiera. Faranno parte del consesso, oltre ai rappresentanti dell’amministrazione comunale, le associazioni e i sindacati del comparto balneare, nonchè alcuni tecnici competenti in materia.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019