• Home
  • Attualità
  • Spigolatrice di Sapri, sindaco invita la Boldrini: «Organizziamo insieme conferenza su sessismo e violenze di genere»

Spigolatrice di Sapri, sindaco invita la Boldrini: «Organizziamo insieme conferenza su sessismo e violenze di genere»

di Marianna Vallone

«Si continua ad inquadrare solo la parte posteriore della nuova statua della Spigolatrice di Sapri come se non avesse un fronte. Venite a Sapri per vederla per bene. Rivolgo l’invito alla Presidente Laura Boldrini ad organizzare insieme il 25 novembre a Sapri la Conferenza Nazionale su sessismo e violenze di genere». E’ il sindaco di Sapri, Antonio Gentile, a lanciare l’appello, sulla sua pagina Facebook, all’ex presidente della Camera e parlamentare Dem, Laura Boldrini, dopo le critiche rivolte alla nuova statua della Spigolatrice. «La statua appena inaugurata a Sapri e dedicata alla Spigolatrice è un’offesa alle donne e alla storia che dovrebbe celebrare. Ma come possono perfino le istituzioni accettare la rappresentazione della donna come corpo sessualizzato? Il maschilismo è uno dei mali dell’Italia», aveva scritto nei giorni scorsi la deputata.

A difendere la statua non è solo il primo cittadino. A sostegno dell’opera sono intervenuti non solo esponenti dell’amministrazione, il senatore Franco Castiello, ma anche imprenditori locali e cittadini. Le polemiche sui social per la statua che raffigura la ‘Spigolatrice’ inaugurata alla presenza delle autorità locali e del leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe Conte, si sono scatenate per un articolo dell’ex senatrice Manuela Repetti secondo la quale si tratta di una versione sessista della lavoratrice dei campi, la figura al centro della poesia Luigi Mercantini dedicata al fallito tentativo di insurrezione anti borbonica nel Cilento. Le critiche mosse alla statua si riferiscono all’abito che lascerebbe intravedere le forme della ‘Spigolatrice’, una statua in bronzo, realizzata dallo scultore cilentano Emanuele Stifano.

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019