• Home
  • abusivismo cilento

Tag: abusivismo cilento

Camerota, abuso al Pozzallo: pronta la demolizione

di Redazione

Il raggruppamento carabinieri parchi, del comando stazione di San Giovanni a Piro, ha accertato la realizzazione di abusi edilizi in località Pozzallo, a Camerota. Le opere abusive sono: uno scavo di circa 15 metri per 17 metri e altezza variabile; un manufatto, all’interno dello scavo summenzionato, non ancora ultimato, di dimensioni pari a 5,70 metri per 6,70 metri; un manufatto di dimensioni complessive pari a 19,60 metri per 3,80 metri, costruito in tre corpi di fabbrica. Gli interventi non risultano autorizzati o realizzati a seguito del nulla osta previsto per legge e sono stati realizzati all’interno del perimetro del Parco nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. Il diretto del Parco, con delibera pubblicata sull’albo pretorio dell’ente guidato da Tommaso Pellegrino, ha ordinato la demolizione delle opere abusive e il ripristino dello stato dei luoghi.

©Riproduzione riservata



Abusivismo edilizio nel Cilento, accordo Parco-Procura: sì ad abbattimenti

di Luigi Martino

Firmato questa mattina un accordo di programma tra la procura di Vallo della Lucania e l’ente Parco nazionale del Cilento Vallo di Diano e Alburni che prevede soluzioni in materia di acquisizione e demolizione di manufatti abusivi. «Non è il primo caso in Italia, – ha spiegato in conferenza stampa il procuratore capo Antonio Ricci – seguiamo l’esempio virtuoso di altre Procure con altri Parchi nazionali in zone vincolate da aree protette. Un protocollo importante come ufficio giudiziario e per il Parco, come ente preposto alla tutela ambientale. Prevede la possibilità – aggiunge Ricci – che la procura si avvalga di fondi del Parco, che arrivano dal ministero dell’Ambiente, per procedere a quelle che sono le più gravi violazioni edilizie che incidono sul piano territoriale». Chiaro dunque l’impegno contro l’abusivismo edilizio nel Cilento. «Oggi è una data particolare, la strage di Capaci. Presentare e firmare un atto concreto oggi con un Procuratore di grande spessore, nominato tra i massimi esperti dal Ministero dell’Ambiente, sull’abusivismo, mi rende la giornata emozionante, nel ricordo di un grande magistrato, quale era Giovanni Falcone. – ha detto Tommaso Pellegrino, presidente del Parco – E’ un accordo di programma che tutela un territorio di grande pregio, un territorio con ben quattro siti Unesco, e che soprattutto mette in campo un’azione concreta di grande incisività a tutela di un tema quello dell’abbattimento delle strutture abusive, in cui c’è ancora troppa burocrazia». «Abbiamo già individuato una serie di siti, alcuni dei quali già stanno seguendo un iter giudiziario che il tribunale sta seguendo. Come Parco abbiamo fatto 118 ordinanze ma già nelle prossime ore metteremo in campo una ulteriore azione incisiva. I territori maggiormente coinvolti sono quelli della costiera, il dato positivo è che 13 manufatti sono stati acquisiti dall’Ente e quindi potranno essere abbattuti. Ridiamo quel territorio alla bellezza del Parco e alle famiglie che vivono qui. Questo è il nostro obiettivo».
Il video della conferenza stampa

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019