Tag: albanella

Albanella, ricerche senza esito: incontro in Procura sul da farsi

di Redazione

di Redazione Cronaca

Giorni di ricerche senza esito ad Albanella, dove da sabato si scava in località Bosco Camerine alla ricerca di qualcosa. Forse cadaveri. I mezzi dei Vigili del fuoco hanno scavato in un’area ben precisa, quella che sarebbe stata segnalata da un collaboratore di giustizia, per confermare quanto sarebbe stato detto da un pentito. La gola profonda avrebbe parlato di due o più cadaveri, risultato di omicidi legati agli ambienti malavitosi. Ma su tutto vige il massimo riserbo ed ogni ipotesi non è ancora confermata.

Sul quotidiano La Città emerge che sabato pomeriggio nella zona impervia in cui si scava, al confine tra Albanella e Castelcivita, sarebbero arrivate 15 pattuglie dei carabinieri del Reparto operativo di Salerno, agli ordini del colonnello Giancarlo Santangelo e coadiuvati dai carabinieri della compagnia di Agropoli, diretti dal capitano Fabiola Garello. Sul posto anche i magistrati della DDA di Salerno Elena Guarino e Giancarlo Russo Oggi si dovrebbe tenere un incontro in Procura a Salerno per decidere il da farsi, ovvero se proseguire o meno nelle ricerche.

Bosco Camerine, polmone verde di Albanella, è da giorni sotto i riflettori per un’operazione dei carabinieri e della magistratura: un collaboratore di giustizia avrebbe indicato quella zona, che è tra i territori di Castelcivita e Albanella, come luogo di sepoltura di cadaveri. Sarebbero due i corpi sepolti in nell’area impervia, due omicidi, risultato di una faida tra organizzazioni criminali consumati in periodi recenti. Si tratterebbe di delitti di stampo mafioso.

©

©Riproduzione riservata



Dramma nel Cilento, 30enne si suicida davanti casa

di Redazione

Un risveglio drammatico ad Albanella, dove un giovane di 30 anni si è suicidato impiccandosi ad un albero davanti casa. Lo riporta il quotidiano StileTv. Il corpo del ragazzo, residente in località San Nicola, è stato notato da alcuni automobilisti di passaggio alle prime ore dell’alba. Immediato l’intervento dei carabinieri della stazione di Matinella, avvisati dai passati, giunti sul posto con i volontari dell’ambulanza medicalizzata dell’Asi di Piazza Santini, che non hanno potuto far altro che constatare il decesso del giovane. Allertato il magistrato di turno della Procura della Repubblica di Salerno, che ha disposto l’esame esterno sulla salma.

©Riproduzione riservata



Cilento, sequestrato cantiere edile abusivo | FOTO

di Marianna Vallone

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Foce Sele, durante un servizio di controllo del territorio, hanno individuato in località “Cappasanta” del comune di Albanella un cantiere edile di significative dimensioni in attività.

Avviati gli accertamenti del caso e l’ispezione dei luoghi, i militari hanno accertato la realizzazione in corso d’opera di un ampio piazzale di circa 1000 mq con un muro di contenimento di lunghezza totale di 105 metri per un’altezza massima di circa 8 metri destinato ad uso paddock per l’allevamento di capi bufalini.

Le indagini condotte dai militari, con la presenza di personale  dell’ufficio tecnico del comune di Albanella, hanno fatto emergere l’assenza di alcun titolo abilitativo: infatti i proprietari dell’area di cantiere e l’impresa edile che eseguiva i lavori non esibivano alcuna documentazione che rendesse le opere conformi e quindi lecite.

I militari hanno quindi provveduto a porre sotto sequestro l’intero cantiere e più precisamente:  le opere realizzate, un’area di scavo di circa 300 mq, i due mezzi escavatori utilizzati ed hanno denunciato all’Autorità giudiziaria l’esecutore materiale dei lavori ed i proprietari dell’area.

©Riproduzione riservata



S’indaga sul «patto politico» per «conquistare» il Cilento

di Redazione

È una sorta di linea rossa quella tracciata dalla Dia lungo il quadrilatero compreso tra Agropoli, Roccadaspide, Albanella e Capaccio Paestum. È la porzione di provincia, a sud di Salerno, dove Francesco Alfieri, che è in corsa per la carica di sindaco della Città dei Templi, ha il suo bacino elettorale più forte. L’avvocato originario di Torchiara (di cui è stato sindaco), che ha mantenuto la carica di consigliere del governatore della Campania, Vincenzo De Luca, nel settore dell’agricoltura, è al centro di una laboriosa e complessa indagine sull’ipotesi di voto di scambio politico-mafioso con esponenti del clan degli “zingari” di Agropoli i cui capi sono stati già rinviati a giudizio con l’accusa di associazione camorristica. Le ultime attività investigative, almeno quelle fino ad ora conosciute, sono proiettate, par di capire dalle mosse degli inquirenti, proprio a risalire alle corrispondenze dell’ex sindaco di Agropoli con i territori interni. Alla ricostruzione di quel simbolico «cerchio magico» di contatti e rapporti che sarebbe la base della sua forza elettorale.

La pista Mirarchi I legami di amicizia di Pasquale Mirarchi, come quelli d’affari della azienda Dervit di Roccadaspide, con Franco Alfieri sono al momento sotto la lente di ingrandimento degli uomini della Dia (agli ordini del colonnello Giulio Pini) e del sostituto procuratore dell’Antimafia Vincenzo Montemurro. Nel fascicolo che riguarda l’ipotesi di voto di scambio alle amministrative di Agropoli, sono proprio le informative su Alfieri quelle più voluminose. Ci sarebbero intercettazioni e atti che farebbero presupporre l’esistenza di un «patto politico» nel quadrangolo attenzionato dalla procura. Giovedì scorso Mirarchi è stato arrestato per detenzione di arma da sparo clandestina. L’uomo custodiva in casa una pistola con matricola abrasa. A scoprirlo – anche in questo caso – gli uomini della Dia che hanno perquisito l’abitazione e l’azienda di allevamento di Mirarchi, indagato anche per turbativa d’asta.

Resta candidato Ma «Pasquale Mirarchi è, e resterà, candidato alle amministrative di Albanella». Lo rende noto il suo legale, l’avvocato Alfonso Amato. «Il motivo per il quale è stato arrestato è un reato comune, presto chiarirà la sua posizione. Abbiamo una grande fiducia nella magistratura e dimostreremo l’estraneità a tutte le ipotesi investigative per le quali è stato sottoposto a perquisizione. È una brava persona, un amministratore e imprenditore onesto». Il difensore di fiducia del candidato sindaco della lista civica ViviAmo Albanella, non ha dubbi. L’udienza di convalida a tutto venerdì pomeriggio non era stata ancora fissata ma sulla eleggibilità di Mirarchi è la legge, al momento, a parlare. Anche dalla prefettura non arriva alcun segnale: in caso di vittoria, però, dovrebbe scattare per lui la legge Severino.

©Riproduzione riservata



Trema la terra: scossa di magnitudo 3

di Luigi Martino

La geolocalizzazione del sisma
Martedì pomeriggio, intorno alle 17.50, una leggera scossa di terremoto si è verificata con epicentro ad Albanella, alle porte del Cilento. Magnitudo 3 è quanto hanno segnato i sismografi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia. Il sisma è avvenuto a 9 chilometri di profondità. Pochi secondi avvertiti in una larga area del salernitano, dal Calore, agli Alburni, alla Piana. Un sussulto che ha fatto scattare immediata la paura in chi l’ha avvertita, soprattutto ai piani alti delle abitazioni. Per fortuna non si sono verificati danni a cose o persone.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019