• Home
  • gianfranca di luca

Tag: gianfranca di luca

Da Piano di Zona S9 boccata d’ossigeno: fondi ai comuni per l’emergenza coronavirus

di Redazione

di Marianna Vallone

I fondi residui dell’annualità 2017 dei contributi destinati alla povertà e ai tirocini formativi, che i Comuni non avevano ancora utilizzato, saranno distribuiti ora dagli stessi comuni per fronteggiare l’emergenza Coronavirus. L’importante impegno arriva dal Piano di Zona dell’ambito S9, coordinato da Gianfranca Di Luca, che ha messo a disposizione dei comuni tutti i fondi disponibili relativi all’annualità 2017. Si tratta di un provvedimento urgente che sindaci e ambito sociale hanno proposto e condiviso durante il coordinamento in videoconferenza di fine marzo, per fronteggiare le problematiche derivanti dall’emergenza conseguente alla pandemia da Covid-19. Un importante lavoro messo in campo dai sindaci e dai delegati del Piano di Zona S9, che serve una popolazione di circa 47.000 abitanti, e consentirà di dare una risposta importante e concreta alle comunità dei 17 comuni dell’ambito, da Centola a Sapri. in questo momento difficile. Ogni comune gestirà le risorse in modo autonomo. «Una decisione presa dall’intero gruppo, in modo unanime, per poter avere disponibilità immediata e senza vincoli di destinazione, delle risorse per l’emergenza attuale. Non sono grandi cifre ma hanno consentito ai comuni di dare immediata risposta», ha commentato il sindaco di Celle di Bulgheria, Gino Marotta. – Sono risultati importanti che si ottengono quando si lavora insieme, in modo coordinato, con unione di intenti ed una visione d’insieme». Le famiglie in difficoltà sono tante, tra queste anche quelle che vivono di lavori nel settore turistico. «Per il nostro comune i fondi sono circa 24mila euro che abbia deciso di utilizzare acquistando i beni di prima necessità nelle attività commerciali che si sono convenzionate, – ha spiegato il sindaco di Camerota Mario Scarpitta – Li spenderemo insieme ai 70mila euro erogati al governo centrale, ai quali si vanno a sommare. Questa sarà una importante boccata di ossigeno, almeno per il mese di aprile». «Stiamo cercando di utilizzare al meglio i fondi che abbiamo a disposizione, distribuendoli all’interno della comunità. – ha aggiunto Ferdinando Palazzo, sindaco di San Giovanni a Piro – Sono più di 13mila euro i fondi dal Piano di zona, di cui 9 mila li destiniamo ai buoni spesi. La situazione è ormai diventata difficile per tutte le famiglie». «E’ una iniziativa lodevole questa – ha sottolineato il primo cittadino di Rofrano, Nicola Cammarano – Con i fondi del Piano di zona daremo 43 buoni da 300 euro contanti. Insieme a quelli del governo riusciamo a raggiungere circa 100 famiglie, un quarto del Comune. Per aprile ce l’abbiamo fatta, vediamo cosa succede a maggio». La coordinatrice ha fatto anche richiesta alla Regione se la quota di compartecipazione dei comuni, che ammonta a circa 300.000,00 euro in totale, potrà essere spesa per l’urgenza direttamente dai comuni. «Siamo in contatto con la Regione, – ha aggiunto il sindaco di Celle di Bulgheria, Gino Marotta – stiamo lavorando su questo, ma bisogna capire come calibrare gli interventi in modo corretto e trasparente per arrivare tranquilli alla fine dell’emergenza». Dunque il Piano sta lavorando su doppio e triplo binario. Con questa seconda programmazione si stanzia la quota di compartecipazione comunale di 7 euro ad abitante, per consentire ai comuni di erogare contributi economici alle tante famiglie che si trovano in difficoltà in questi mesi. Il Piano di Zona S9 sta anche liquidando in questi giorni gli assegni di cura ai beneficiari. Si tratta di circa 150 famiglie di malati gravissimi e gravi residenti nei comuni dell’ambito S9 ai quali in totale sono stati assegnati 1.641.000,00 euro. Uno dei finanziamenti più importanti concessi a febbraio dalla Regione, secondo solo all’ambito territoriale di Salerno. Un Piano di Zona attivo, quello coordinato dalla Di Luca, che viene incontro non solo alle famiglie bisognose ma anche a quelle con disabili gravi e gravissimi, a chi soffre di autismo e anche alle donne in difficoltà inserite nel progetto Svolte. E, non per ultimi, verranno liquidati i contributi previsti per l’acquisto di parrucche da alopecia da chemioterapia, per chi ne ha fatto già richiesta, e le risorse destinate al progetto “Dopo di noi”, ovvero per gli interventi a favore di persone con disabilità grave prive del sostegno familiare.

©Riproduzione riservata



Piano di Zona S9, in arrivo due auto per il trasporto di anziani e disabili

di Marianna Vallone

Due nuove auto per il trasporto di anziani e disabili nel basso Cilento. Saranno messe a disposizione dal Piano di Zona S9 ad associazioni di volontariato locali.  L’iniziativa, che rientra nell’ambito del progetto “Mobilità garantita e sostenibile” approvato dai sindaci nell’ultimo Coordinamento Istituzionale del Piano,  nascerà grazie ad una collaborazione tra privato e pubblico, con la finalità di coniugare pubblicità e attenzione al sociale.

«Si tratta di un progetto di mobilità sostenibile – ha spiegato Gianfranca Di Luca,  coordinatrice del Piano di Zona S9 (nella foto) – che vede una ditta proponente, la società Mobilità Garantita e Sostenibile, a fianco del nostro Ente, finalizzato a migliorare le condizioni di vita di persone con ridotta mobilità».

La società  metterà a disposizione del Piano, in comodato d’uso gratuito per quattro anni, come è già avvenuto in altri paesi, due veicoli che saranno successivamente destinate ad associazioni locali.  La ditta provvederà all’acquisto dei mezzi grazie a sponsorizzazioni che verranno raccolte sul territorio. Imprenditori e professionisti potranno acquistare spazi pubblicitari sulle fiancate dei mezzi contribuendo in questo modo ai aiutare persone in difficoltà. «Il servizio, quindi – tiene a precisare Agostino Agostini, consigliere delegato alle Politiche sociali – non prevede spese per il Piano di Sociale ma sarà importante per gli utenti del comprensorio che ne hanno bisogno e potranno beneficiarne gratuitamente».

©Riproduzione riservata



Violenza sulle donne, a Sapri il corso di formazione del Piano di zona

di Marianna Vallone

A Sapri un corso di formazione sulla violenza di genere. L’iniziativa, organizzata dal Centro Antiviolenza Iris di Sapri – sportello Pierangela, rientra nell’ambito del Progetto S.A.R.A. (Sostegno Antiviolenza Rete Attiva). «L’obiettivo – hanno spiegato gli organizzatori – è condividere linee guida comuni tra gli operatori che a vario titolo si occupano di situazioni di violenza di genere».

Il corso sarà gestito dalle docenti dell’associazione “Differenza Donna” di Roma, che da trent’anni si occupa di contrasto alla violenza di genere. Saranno affrontati i temi della violenza domestica, della violenza sui minori e delle sue conseguenze, degli strumenti disponibili sul piano legale e delle linee guida per l’accoglienza delle donne in ambito sanitario. Le azioni del Progetto S.A.R.A., realizzate con il contributo di “Fondazione con il Sud”, sono rivolte a supportare i Centri Antiviolenza dei territori dei Piani di Zona S9 e S10 potenziando le attività offerte.

«La Convenzione di Istanbul del Consiglio d’Europa – ha tenuto a precisare Gianfranca Di Luca, la coordinatrice del Piano di Zona S9 – sancisce l’obbligo degli Stati di assicurare reali ed efficaci percorsi di uscita dalla violenza di genere e che tutti i professionisti devono essere messi in condizione di poter conoscere strumenti idonei a contrastare gli atti di violenza sulle donne nelle loro molteplici forme».

«Si tratta di un’ importantissima attività che rimarca l’attenzione e il lavoro che il piano di Zona S9 sta svolgendo contro la violenza di genere – ha aggiunto il sindaco di Sapri Antonio Gentile – Avere servizi sempre efficaci ed efficienti è il nostro primo obiettivo». Il Corso, che è anche accreditato presso l’Ordine degli Avvocati di Lagonegro, di Potenza e di Salerno e presso l’Ordine degli Assistenti Sociali della Regione Campania, prenderà il via 15 gennaio 2019. E’ possibile iscriversi entro il 4 gennaio facendo richiesta all’indirizzo email sportellopierangela@gmail.com.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019