Tag: gioi

“Fiera della Croce”, da Gioi a Valle dell’Angelo: ecco gli eventi di dicembre

di Redazione

Presso lo “spazio Campania” di Piazza Fontana a Milano  sono stati presentati dal sindaco di Gioi Maria Teresa Scarpa gli appuntamenti del poc “La valorizzazione della millenaria fiera della Croce di Stio”, progetto che riunisce ben sei comuni Cilentani: Campora, Gioi, Orria, Perito, Stio e Valle Dell’angelo. La presentazione nel capoluogo lombardo, avvenuta il 28 novembre è stata inserita nell’ambito della programmazione della rete “Destinazione Campania”, 14 giornate di promozione di imprese, prodotti, risorse del territorio, turismo green e culturale. In un contesto dove ben si sposano gli appuntamenti che si svolgeranno a Dicembre e in primavera in un angolo del Cilento collinare che grazie alla Poc punta a proporsi come meta turistica in tutte le stagioni. Tanti gli appuntamenti di Dicembre che riportano l’attenzione sui comuni riuniti sotto il segno della “Fiera della Croce” ed inseriti nel progetto turistico e di eventi finanziato dalla Regione Campania. Le attività della 51ima edizione, con la direzione artistica, per il secondo anno consecutivo a cura del maestro Lillo De Marco, sono iniziate il 31 agosto 2019 si protrarranno  fino al 16 maggio 2020. L’atteso programma di dicembre è un mix di attività artistiche e culinarie, previsti cinque appuntamenti: il 21 a Valle Dell’angelo  va di scena il “week end al borgo” con la rappresentazione teatrale sulla dieta mediterranea “Ancel Keys e a la  ricetta dei 100 anni” a cura degli artisti cilentani associati;  il 22 a Perito lo spettacolo teatrale di Sarah Falanga  “Natale in casa di Donne”; il 26 a Campora la compagnia teatrale Centocrammatinirussi mette in scena la commedia in dialetto cilentano Non ‘nge fatìa e nui ‘nne l’ammentamo”; il 29 ancora a Perito la serata di musica popolare dei Lanternina Folk; infine il 30 chiude Piano Vetrale con il concerto del pianista  Federico Mauro Marcucci. Con questi cinque appuntamenti si percorre un viaggio attraverso gli itinerari che nei secoli ha rappresentato il crocevia della Fiera alla scoperta del patrimonio esistente attraverso la promozione di tradizioni e la cultura del territorio. Valorizzare il proprio territorio facendo leva sulla connotazione delle località interessate dove storia, patrimonio naturalistico, ambientale e tradizione costituiscono gli elementi principali di attrazione e di sviluppo per una partecipazione rispettosa dei luoghi e del contesto in cui si sono svolti e si svolgeranno gli eventi facendo leva sulla varietà del programma musicale e artistico proposto. Sei gli eventi già realizzati: rievocazione storica in abiti d’epoca, sbandieratori, spettacoli musicali della tradizione realizzati a Stio in occasione del “Masto di Fiera” nell’ambito della fiera della croce; spettacoli teatrali con “I moti rivoluzionari del 1828” a Cardile per ricordare i martiri Riccio; musica popolare e  folkore a Valle Dell’Angelo e Campora  con gli artisti cilentani ,i “Donnaluna” e “Ciullo’S Band” con  percorsi di promozione dei prodotti eno-gastronomici locali; un grande concerto di un artista di fama nazionale , “Enzo Gragnaniello” a Gioi. In primavera agli spettacoli in programma si uniranno gli appuntamenti con il turismo green ed i percorsi creati dall’Associazione Off Limits che uniscono i comuni di Orria, Perito e Gioi a Stio.  

©Riproduzione riservata



Fiera della Croce, a Cardile il musical sui moti rivoluzionari del 1828

di Marianna Vallone

Cardile

Riprendono gli appuntamenti artistici dedicati alla valorizzazione della “Millenarea Fiera della Croce di Stio 51ma edizione“. Protagonista di questa nuova tappa è Cardile, frazione del Comune di Gioi. Il 3 novembre in piazza A. D’Aiuto andrà in scena un musical in cui verranno rievocati i “Moti rivoluzionari del 1828“. Lo spettacolo è a cura della Compagnia Artisti Cilentani con i testi di Alina Di Polito e Simona La Porta e le musiche di Mauro Navarra e Angelo Loia ed anche questo evento, come gli altri, è finalizzato ad incrementare e valorizzare le iniziative turistiche del territorio in un periodo di bassa stagione al fini di attrarre, con un offerta culturale ed enogastronomica, presenze significative nel paese che diede i natali ai Fratelli Riccio eroi dei Moti insurrezionali del 1828. Oltre ad essi la vicenda tratterà del Canonico De Luca da Celle, dei fratelli Capozzoli da Monteforte Cilento, della famiglia De Mattia di Vallo della Lucania, e di tutti i protagonisti delle storiche pagine del patriottismo cilentano, portando lo spettatore a comprendere le ragioni che scatenarono le tragiche giornate della rivolta avente come obiettivo il ripristino della Costituzione del 1820 che avrebbe garantito ad un popolo costretto alla fame e all’abbandono, migliori condizioni di vita. 

Uno spettacolo teatrale da non perdere che rende omaggio a tutti quegli eroi, uomini e donne cilentane  che con le loro gesta hanno saputo rappresentare la fierezza e l’orgoglio di un territorio professando la loro fede nel valore supremo della libertà. Sulla scena si alterneranno Giuseppe Brancato (Canonico Antonio Maria De Luca), Rodolfo Medina (Maresciallo Francesco Saverio del Carretto), Antonio Apadula (Domenico Capozzoli), Paolo Puglia (Davide Riccio), Gioia Fusco (Donna Saveria), Katia Girasole (Pasquasia), Roberto Matteo Giordano (Emilio De Mattia), Alina Di Polito (Marianna De Mattia), Danilo Napoli (Monsignore Alleva), Giovanna Navarra (Mamma di Bosco). Regia di Alina Di Polito e coordinamento musicale di Mauro Navarra.

Prima del musical, dalle ore 19:30, si inaugurerà la XXV edizione della Sagra della Castagna, a cura dell’A.C.S. “Martiri Riccio” con stand gastronomici e visite guidate con i racconti dei luoghi storici di Cardile.

La manifestazione è organizzata nell’ambito del POC Campania 2014-2020 con il Comune di Gioi, capofila del progetto e la direzione artistica di Lillo De Marco.

©Riproduzione riservata



‘Donne del Cilento’ chiude l’edizione 2018 della kermesse di Gioi dedicata ai libri

di Marianna Vallone

Con la presentazione del libro postumo di Domenico Chieffallo “Donne del Cilento” si è conclusa l’edizione 2018 della kermesse culturale “Un Libro al mese” che si svolge come consuetudine a Gioi. Nell’aula consiliare del Comune gli onori di casa sono stati fatti dal sindaco Andrea Salati che ha ricordato l’importanza dell’evento culturale e «l’amicizia che legava uno dei più grandi storici del Cilento a Gioi, tanto che ha voluto donare una serie di libri sull’emigrazione che compongono una sezione della biblioteca dedicata proprio a Chieffallo. Inoltre come amministrazione comunale per ricordare la grande valenza di questo personaggio abbiamo deciso di intitolargli una piazzetta adiacente l’istituto scolastico perché Mimì si è sempre battuto affinché la nostra storia fosse conosciuta dalle nuove generazioni». I lavori moderati da Antonietta Cavallo, hanno visto susseguirsi gli interventi di: Valerio Rizzo, Michele Santangelo, Maria Rosaria Verrone, che ha curato le rappresentazioni presenti nel volume e che si sono potute ammirare in sala, e Alfonso Andria. Le conclusioni sono state affidate a don Guglielmo Manna. Particolarmente toccante la testimonianza di Enzo Chieffallo, figlio del noto storico cilentano, che ha voluto ricordare come il libro postumo sia stato «completato dal nipote Claudio Volpe che ha seguito la passione del nonno affermandosi, giovanissimo, nel variegato ed a volte difficile mondo culturale italiano. Infatti mio padre, prima che la malattia lo portasse via, aveva completato la struttura del libro, ma purtroppo non era riuscito a sviluppare i temi così come era solito fare visto che l’approfondimento era una delle sue peculiarità nello scrivere». A far da cornice alla serata, organizzata dal Comune di Gioi e dall’Associazione Culturale “Un Libro al Mese-Enzo Infante”, è stata la collettiva d’arte che ha visto esporre nella sala comunale le scene di vita rupestre di Mario Romano, gli acquerelli di Enzo Marotta, la pittura ad olio di Franco Vertullo, i soggetti disegnati da Rosalba Ruggiero tra cui spicca il ritratto di Leo De Berardinis, le sculture di Franco Vertullo, gli olio su tela di Lina di Lorenzo e i paesaggi multicolore di Yvonne Zellweger.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019