• Home
  • guida michelin

Tag: guida michelin

Culinary world cup, a Lussemburgo il Cilento è secondo

di Redazione

Il team Costa del Cilento
Sfidarsi a colpi di portate e di prodotti, per rappresentare al meglio l’Italia nel mondo. E riuscirci con orgoglio, portando a casa la medaglia d’argento nella categoria team regionale. A farlo è un squadra di cuochi tutta made in Campania, precisamente del Cilento, che ha partecipando alla Culinary world cup 2018 di Lussemburgo, una delle più importanti competizioni culinarie del mondo, in scena fino a mercoledì prossimo. Trenta le nazioni in gara e, dal Bel Paese, si fa subito notare il team Costa del Cilento, una squadra capitanata da Matteo Sangiovanni, executive chef del ristorante Tre Olivi del Savoy Beach hotel di Paestum. In cucina con lo chef salernitano, ben quindici elementi della cucina italiana, supportati da Ljubica Komlenic, un’altra top player del mondo della cucina, e con Annie Feolde, prima donna in Italia ad aver ottenuto tre stelle Michelin, come madrina d’eccezione.
Culinary world cup Lussemburgo
Un’occasione per confrontarsi con la cucina mondiale, capire dove si dirige e quali elementi si prediligono, ma anche un momento per valorizzare – su una pizza mondiale – le potenzialità delle materie prime nostrane, quelle di un territorio intriso di biodiversità e altrettanta identità.

©Riproduzione riservata



Le Trabe, Marco Rispo è il nuovo chef

di Luigi Martino

Marco Rispo, chef
Dopo anni di esperienze in giro per l’Italia e all’estero, Marco Rispo torna a casa e punta tutto sulla Campania, la sua terra d’origine. Sceglie Le Trabe, rinomato ristorante una Stella Michelin del Cilento, a Paestum, dei fratelli Antonio e Raffaele Chiacchiero, per canalizzare tutte le sue energie e dedicarsi a un progetto che porti la sua firma dall’antipasto al dolce. Marco Rispo svelerà le sue novità in vista della riapertura del ristorante la sera del 14 novembre. «L’esperienza al Piccolo Lago – dichiara Marco Rispo – a Verbania (due Stelle Michelin) al fianco di Marco Sacco, demiurgo nella preparazione dei pesci di lago, mi ha arricchito enormemente, ma ho sentito forte dentro di me una voglia di ritornare alle origini e guidare un progetto in cui far convergere tutte le esperienze accumulate in questi ultimi anni. Studio, gavetta in giro per l’Europa, sempre al fianco di veri Maestri della cucina, mi hanno fortemente segnato. Adesso sento il bisogno di ritornare nella mia terra, che per me non ha rivali in termini di varietà di materie prime e di tradizione, mettere a frutto le mie esperienze e concentrarmi sulla creazione di piatti che m’identifichino e nel contempo rispettino le radici e il contesto in cui nascono, la Campania».
Le Trabe, Paestum
Dopo vent’anni di esperienze acquisite al fianco di ‘stelle’ del firmamento gastronomico come Ernesto Iaccarino, del Don Alfonso, due stelle Michelin, da Zaranda a Madrid due stelle Michelin al fianco di Fernando Arellano, oppure con il maestro Lino Scarallo, chef patron di Palazzo Petrucci (una stella Michelin), e infine con Marco Sacco, al Piccolo Lago (due stelle Michelin), Marco Rispo sogna un ritorno a casa, alle origini della cucina mediterranea e ai suoi dogmi, a una cucina impreziosita dalle sue esperienze in giro per il mondo, creativa ma fortemente identitaria.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019