Tag: padula

Padula e la “spesa sospesa”, nei negozi si accende la macchina della solidarietà

di Redazione

«Sono trascorse circa 24 ore dall’appello che ho lanciato ai titolari dei negozi che vendono prodotti alimentari invitandoli a sostenere l’iniziativa della Spesa Sospesa, la risposta è stata a dir poco straordinaria». Così Giuseppe Verga, guida turistica valdianese, promotore dell’iniziativa che a Padula ha preso subito piede. Negozianti e cittadini uniti nella rete di solidarietà per dare una mano a chi ha più bisogno. «Ogni singolo cittadino ora potrà fare la sua parte acquistando i prodotti alimentari presso le 20 attività elencate in locandina. – spiega Verga – I prodotti raccolti saranno distribuiti dalla Protezione Civile Vallo Diano alla fascia più fragile della società. Infine ricordiamoci tutti che “L’opera umana più bella è di essere utile al prossimo”». Poi aggiunge: «Un ringraziamento particolare per la sensibilità e la disponibilità dimostrata va a Peppino Pisano e alla Protezione Civile Vallo di Diano, e a tutti i titolari e collaboratori delle attività aderenti».

©Riproduzione riservata



Ministro Costa a Padula, polemica tra i sindaci della provincia di Salerno

di Redazione

Nel giorno della visita del ministro dell’Ambiente Sergio Costa a Padula per presentare le Zea, monta la polemica “simbolica” tra una parte dei sindaci della provincia di Salerno, guidati dal presidente Michele Strianese. I primi cittadini hanno firmato un documento, proposto da Strianese e dal vice Carmelo Stanziola, in cui si rivolge un invito al ministro Costa «ad occuparsi seriamente del finanziamento delle opere di messa in sicurezza, dopo questi giorni terribili che hanno riguardato il territorio provinciale e che lo hanno visto del tutto assente», scrivono. E aggiungono: «Appare davvero inaccettabile che, in questo momento, il Ministro dell’Ambiente Costa, anziché cogliere l’occasione per far visita alle popolazioni e ai comuni della Nostra Provincia colpiti dai danni del maltempo di questi giorni, abbia preferito una inopportuna passerella politica su un argomento ancorché interessante ma quantomeno intempestivo e fuori tema e luogo. Auspichiamo che il Ministro si ravveda e magari faccia immediatamente pervenire le risorse per far fronte all’emergenza, confrontandosi doverosamente con le Istituzioni Locali, con i tanti amministratori impegnati in queste ore per la risoluzione delle problematiche conseguite al fenomeno e con la Regione Campania che, da parte sua, ha già deciso di prevedere lo stanziamento di circa 8 milioni di euro destinati agli interventi d’urgenza per tutti i territori interessati della Campania». Chi lo sottoscrive – Tra i sottoscrittori del documento, oltre ai vertici dell’ente provinciale, anche Vincenzo Napoli, sindaco di Salerno, Paolo Imparato, sindaco di Padula, Luciano Trivelli, Sindaco di Montano Antilia, Michele Di Candia, Sindaco di Teggiano, Vincenzo Servalli, Sindaco di Cava dei Tirreni, Nicola Padula, Sindaco di San Gregorio Magno, Nicola Parisi, Sindaco di Buccino, Domenico Volpe, Sindaco di Bellizzi, Massimo Cariello, Sindaco di Eboli, Alessandro Chiola, Sindaco di Montecorvino Pugliano, Giovanni de Simone, Sindaco di Vietri sul Mare, Antonio Somma, Sindaco di Mercato San Severino, Giuseppe Scorza, Sindaco di Castel San Lorenzo, Antonio Capone, Sindaco di Maiori, Cosimo Annunziata, Sindaco di San Marzano sul Sarno, Marilinda Martino, Sindaco di Ispani, Martino D’Onofrio, Sindaco di Montecorvino Rovella, Manlio Torquato, Sindaco di Nocera Inferiore, Domenico Amatruda, Sindaco di Tramonti, Franco Munno, Sindaco di Giffoni Sei Casali, Gianfranco Valiante, Sindaco di Baronissi, Antonio Rescigno, Sindaco di Bracigliano, Fortunato Della Monica, Sindaco di Cetara, Adriano Goffredo, Sindaco di Colliano, Natalino Barbato, Sindaco di Stio, Gerardo Venutolo, Sindaco di Santomenna, Carmine Pagano, Sindaco di Roccapiemonte, Nunzio Carpentieri, Sindaco di Sant’Egidio del Monte Albino, Michele Volzone, Sindaco di Olevano sul Tusciano, Alfonso Forlenza, Sindaco di Contirsi Terme, Mauro Inverso, Sindaco di Orria. Cosa sono le Zea – Il ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare è tornato nel Cilento e Vallo di Diano per parlare delle Zea, le zone economiche ambientali, la fiscalità di vantaggio per chi vive nei parchi nazionali. Con la legge clima sono state istituite le Zea, ovvero le Zone economiche ambientali, che corrispondono ai parchi nazionali e prevedono agevolazioni e vantaggi fiscali per i Comuni che ricadono nelle aree all’interno dei parchi e per chi volesse aprire al loro interno attività imprenditoriali ecosostenibili.  

©Riproduzione riservata



Padula si candida a capitale italiana della cultura

di Marianna Vallone

E’ stata avanzata la richiesta al Ministero delle attività culturali per il procedimento della candidatura di Padula a Capitale italiana della cultura 2021. Lo ha annunciato l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Paolo Imparato. Il titolo è stato istituito dal Ministero dei Beni Culturali e del Turismo nel 2014. L’obiettivo è «sostenere, incoraggiare e valorizzare l’autonoma capacità progettuale e attuativa delle città italiane nel campo della cultura, affinché venga recepito in maniera sempre più diffusa il valore della leva culturale per la coesione sociale, l’integrazione senza conflitti, la creatività, l’innovazione, la crescita, lo sviluppo economico e, infine, il benessere individuale e collettivo». «Il tessuto territoriale italiano si caratterizza essenzialmente per la presenza di comuni medio-piccoli, sicché il riconoscimento di Capitale della Cultura di un comune medio-piccolo come quello di Padula, che si caratterizza per un patrimonio storico, culturale e artistico di livello internazionale (con la presenza della Certosa di San Lorenzo, Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal 1998, e dei Musei del centro storico, tra i quali spicca la Casa Museo Joe Petrosino) può rappresentare un segnale importante nella valorizzazione delle piccole realtà locali», commenta l’amministrazione.

©Riproduzione riservata



Presepi in mostra a Padula, Gesù nasce tra i migranti su un barcone

di Marianna Vallone

foto Erminio Cioffi
E’ un Gesù che nasce tra i poveri, tra gli ultimi, tra i migranti, su un barcone che arriva da un luogo di guerra e disperazione. E’ solo uno dei tanti e suggestivi presepi in mostra a Padula, nelle chiese del centro storico. Un evento curato e realizzato anche quest’anno dall’associazione Amici del Presepio, sezione Pietro Gallo. L’esposizione è un percorso che si sviluppa nella chiesa di Sant’Agostino, di Sant’Angelo, nella chiesa di San Nicola de Domnis e nella chiesa di San Francesco a Padula. Ma la mostra coinvolge anche le stradine e i vicoli che collegano il centro storico, con scene e installazioni in tema con la natività. Da 25 anni l’associazione dedica a questo speciale momento dell’anno un’iniziativa che porta a Padula presepi di rara bellezza da ogni parte d’Italia, come quello che viene realizzato ogni anno nel cortile d’ingresso della Certosa di Padula. «Cerchiamo di portare ogni anno una novità nei presepi e nelle scenografie – ha spiegato ai microfoni di Italia2Tv Germano Torresi, presidente dell’associazione – E’ un modo per promuovere ulteriormente il nostro territorio». La mostra è visitabile fino al 6 gennaio. Sul presepe dei migranti è però intervenuto il questore della Camera e parlamentare salernitano di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli, che ha criticato l’allestimento del presepe collocato all’interno di una delle chiese nel centro storico di Padula. «Gesù bambino è nato in una mangiatoia sotto ad una capanna. E non su una barca di migranti. Basta mistificare le nostre tradizioni soprattutto in vista del Natale», ha detto Cirielli. «Con questo presepe che messaggio si vuole trasmettere ai più piccoli? Che l’Italia deve essere invasa da migliaia e migliaia di clandestini per lo più islamici e far pensare falsamente che anche Gesù fosse un immigrato? Siamo alla follia. Le nostre tradizioni – spiega – non possono essere piegate agli interessi degli scafisti o dei padroni delle cooperative dell’accoglienza e non si può assolutamente calpestare la veridicità dei nostri Vangeli», ha concluso.

©Riproduzione riservata



Vittorio Sgarbi a Padula per il “Festival dell’Essere”

di Marianna Vallone

Padula è la terza tappa del “Festival dell’Essere”, la manifestazione diretta da Vit­torio Sgarbi, organizzata con Regione Campania e Scabec, che riunisce personalità provenienti da vari mondi e discipline, chiamati nei luoghi della Magna Grecia per confrontarsi e riflettere. Il tema dell’incontro a Padula è “Tutti gli dei fu­rono immortali”. Sul palco si alterneranno gli attori e registi Michele Placido, Sergio Rubini, Violante Placido e Cosimo Damiano Damato, il giornalista e scrittore Marcello Veneziani, il filosofo Nuccio Ordine, la scrittrice Vera Slepoj e l’attore Moni Ovadia. A fare le domande Vittorio Sgarbi e la conduttrice Greta Mauro.‬

‪L’appuntamento è per domenica 20 ottobre, a partire dalle 17,00, nella Sala dei Granai della Certosa di Padula. ‪Il Festival, progettato da Sabrina Colle e diretto da Vittorio Sgarbi, è prodotto da Angelo Tumminelli.‬

‪Dopo Velia, Paestum e Padula, il quarto ed ultimo appuntamento di questa prima edizione si terrà il 29 ottobre a Salerno; la città, patria della più antica scuola medica europea, antesignana delle più moderne Università, diede una svolta epocale nello studio della medicina durante l’Alto Medioevo.

©Riproduzione riservata



Padula, entrano nel vivo i festeggiamenti per San Francesco

di Marianna Vallone

Entrano nel vivo i festeggiamenti in onore di San Francesco a Padula presso il convento, uno scrigno che unisce arte e fede. Si inizia questa sera, 3 ottobre, alle ore 18.00, con il Transito che sarà celebrato da Mons. Antonio De Luca, vescovo della Diocesi di Teggiano – Policastro.

Domani, 4 ottobre, solennità di San Francesco, dopo la celebrazione della Santa Messa delle ore 8.00, si terrà la processione per le campagne e la benedizione delle macchine. Alle ore 18.00 la Santa Messa sarà animata dal Coro polifonico Polimnia di Padula, diretto dal Maestro Annamaria Torresi.

Da giovedì 10 ottobre a sabato 12 ottobre, alle ore 18.00, avrà luogo il triduo presso il convento alle ore 18.00 e nuovi appuntamenti: giovedì 10, alle ore 19.30, “I giochi del passato”, venerdì 11, alle ore 19.30, lo spettacolo della scuola di ballo “ASD Want to dance” e il 12 ottobre, alle ore 19.30, il recital dei ragazzi del convento “Dio c’è ma non si vede”.

Domenica 13 ottobre le Sante Messe saranno celebrate alle ore 7.00, alle ore 8.00 e alle ore 9.30 (animata dal Coro Polifonico Polimnia di Padula) e a seguire la processione per le vie del paese. Alle ore 18.00 sarà celebrata la Santa Messa e poi la tradizionale “riffa degli agnelli”.

©Riproduzione riservata



Certosa Padula, un restauro da 5,8 milioni: online procedura gara

di Luigi Martino

Vale oltre 5,8 milioni di euro la procedura di gara pubblicata da Invitalia per l’affidamento dei lavori di restauro e di fruizione innovativa della Certosa di San Lorenzo, nel Vallo di Diano. «Invitalia opera in qualità di Centrale di Committenza per il Ministero per i beni e le attività culturali – Polo Museale della Campania. Gli interessati – spiega Invitalia in una nota – possono presentare le offerte entro il 14 giugno 2019». I lavori di restauro, finanziati dal Pon “Cultura e Sviluppo” Fesr 2014/2020, prevedono: il rifacimento delle coperture; il consolidamento del cornicione del Chiostro Grande che ne permetterà la fruizione; il restauro dello scalone Monumentale, delle cantine e della Chiesa principale; l’adeguamento degli impianti; il recupero del Parco monumentale della Certosa (muro di cinta, patrimonio botanico e cappella della Maddalena). Sono inoltre previsti interventi per abbattere le barriere architettoniche e per potenziare i servizi all’interno dell’istituto monumentale. La cosiddetta passeggiata coperta sarà rifunzionalizzata; saranno messi a punto percorsi multimediali e dispositivi virtuali a supporto della visita; sarà realizzato un sito web destinato alla fruizione e alla valorizzazione della Certosa di San Lorenzo, oltre a interventi di realtà aumentata. Infine, e’ previsto il restauro del patrimonio librario, dei mobili e degli arredi conservati all’interno della Certosa. Dichiarata patrimonio dell’Umanità dall’Unesco nel 1998, la Certosa di San Lorenzo, anche conosciuta come Certosa di Padula, con i suoi 51.500 mq di superficie, e’ uno dei più sontuosi complessi monumentali barocchi d’Italia oltre che uno degli edifici religiosi più grandi del mondo. Il complesso, che sorge ai piedi della collina sulla quale sorge la città di Padula nel Vallo di Diano, comprende tre chiostri, un giardino, un cortile e due chiese. I due piani del Chiostro Grande sono collegati da uno scalone ellittico a doppia rampa, eseguito intorno al 1779, da Gaetano Barba, allievo del Vanvitelli.

©Riproduzione riservata



Dona beni moglie per eludere fisco: sequestro da 574 mila euro

di Redazione

I militari della tnenza della guardia di Finanza di Sala Consilina, diretti dal luogotenente Giuseppe Iannarelli, hanno ultimato l’esecuzione di un decreto di sequestro preventivo, per un valore complessivo di 574.010 euro, avente ad oggetto le liquidità finanziarie e i beni nella disponibilità di R.N., residente a Padula, già titolare di una ditta individuale esercente l’attività di automazione cancelli. La misura cautelare reale è stata disposta dal gip presso il Tribunale di Lagonegro, su richiesta della locale Procura della Repubblica, a seguito di segnalazione dell’Agenzia delle Entrate – Servizio Riscossione Direzione Regionale Campania. Il soggetto indagato, quando era debitore di imposte erariali iscritte in ruoli esecutivi, a lui già notificati, per un importo complessivo di 574.010 euro, donava alla propria consorte, coniugata in separazione di beni, la proprietà di beni immobili ubicati nel comune di Padula, attraverso atti di donazione funzionalmente collegati tra loro, al fine di neutralizzare la procedura di riscossione coattiva in corso da parte dell’Agenzia delle Entrate. Il gip ha disposto il sequestro preventivo delle disponibilità liquide del soggetto e dei beni di proprietà e nella disponibilità dello stesso, della consorte e della società, sino alla concorrenza del debito erariale. Gli accertamenti patrimoniali eseguiti dalla fiamme gialle hanno consentito di individuare liquidità finanziarie ed immobili commerciali e ad uso abitativo in Padula, nella disponibilità di fatto degli indagati, sequestrati a garanzia del pagamento delle imposte evase.

©Riproduzione riservata



Da Sapri a Padula e Buccino, auto in totale abbandono nei boschi

di Marianna Vallone

I militari delle Stazioni Carabinieri Forestale di Sapri, Padula e Buccino durante servizi di pattugliamento mirati alla salvaguardia del territorio in zone fuori dai centri abitati hanno riscontrato l’abbandono di autoveicoli in aree boscate. In particolare hanno rinvenuto automezzi, tra cui anche un camion, in totale stato di abbandono e in condizioni di rischio per l’ambiente in quanto da alcuni di essi potevano fuoriuscire liquidi di motore e/o batterie. I mezzi ritrovati in zone non frequentate e lungo la viabilità secondaria, erano invasi da piante ed arbusti con pneumatici sgonfi e privi di molte parti della carrozzeria (sportelli e simili), segni che le carcasse erano state abbandonate da tempo. In una delle auto sono stati addirittura trovati pezzi di ricambio e batterie esauste. I militari sono riusciti, comunque, a rilevare i numeri di telaio degli automezzi privi di targa e da essi, a seguito di indagini effettuate, si è potuto risalire ai proprietari. Agli stessi si è provveduto a notificare la violazione degli articoli 5 e 13 del D.L.vo n. 209/2003 e ad elevare contestuale sanzione amministrativa pari ad euro 1666.67 per ciascuno dei proprietari per il mancato invio del veicolo a regolare smaltimento. Ai proprietari è stata poi imposta la rimozione dei mezzi per l’invio ai centri di smaltimento autorizzati.

©Riproduzione riservata



Nasconde la coca negli slip: 30enne arrestata

di Luigi Martino

I carabinieri della compagnia di Sala Consilina, diretti dal capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto una 30enne salernitana incensurata per detenzione al fine di spaccio di sostanze stupefacenti. I militari della stazione di Buonabitacolo, impegnati in servizi di controllo del territorio, hanno controllato lungo via Nazionale di Padula, una citycar con a bordo la donna che, sottoposta ad un ordinario controllo, si è mostrata innervosita e insisteva di voler andare via poiché in regola con i documenti di guida ed assicurativi. Tuttavia la giovane, quando le forze dell’ordine hanno deciso di perquisire la vettura, ha consegnato spontaneamente ai militari due involucri racchiusi in nastro adesivo che la stessa nascondeva all’interno della biancheria intima, contenenti numerose dosi già confezionate di cocaina, per un peso complessivo di 20 grammi circa. Nel corso delle operazioni, è stato sequestrato anche un bilancino di precisione e la somma contante di circa 100 euro. La ragazza è stata sottoposta agli arresti domiciliari.

©Riproduzione riservata



Sequestrata discarica con rifiuti speciali: trovate 600 lastre di eternit

di Luigi Martino

Scoperta a Padula, in contrada Padre Felice, una discarica abusiva di rifiuti speciali da parte dei militari della stazione carabinieri forestale di Padula. All’interno del comprensorio aziendale di una ditta specializzata in costruzione e montaggio prefabbricati in cemento armato e lavorazione manufatti, nel piazzale vicino al fabbricato utilizzato per la lavorazione, i militari hanno trovato un’area di circa 100 metri quadrati adibita a discarica nella quale si trovavano 600 lastre e pezzi di eternit accatastato sul terreno nudo ed esposti all’azione degli agenti atmosferici e due big bag (grandi sacchi) con 7 quintali di eternit in pezzi. E’ emerso che le lastre e i pezzi di eternit non erano prodotti da lavorazioni effettuate in azienda ma piuttosto da demolizioni avvenute in cantieri esterni e poi trasportate sul posto in periodi anche lontani e comunque non documentati e ricostruibili, violando la tracciabilità del rifiuto prescritta dalle norme ambientali. I militari hanno quindi sequestrato l’area per gestione illecita di rifiuti speciali anche pericolosi e denunciato all’autorità giudiziaria il responsabile.

©Riproduzione riservata



‘Quest’anno non scendo’, Casa Surace presenta il libro alla Certosa di Padula

di Luigi Martino

L’associazione Giornalisti Locali con il patrocinio del Comune di Padula, organizza la presentazione del libro “Quest’anno non scendo” di Casa Surace. Dopo i saluti di Paolo Imparato – sindaco di Padula e Filomena Chiappardo – assessore alla Cultura di Padula, interverranno i giornalisti Angela Freda e Pasquale Sorrentino che dialogheranno con i protagonisti del libro e del progetto social ‘Casa Surace’: Alessio Strazzullo, Daniele Pugliese, Beppe Polito, Valentina Russo e Nonna Rosetta. Il dialogo verterà sia sui contenuti del libro che sul caso “Casa Surace”, esperimento riuscito di comunicazione social e di giusto abbinamento tra contenuti e nuovi canali di comunicazione. Il libro
La copertina del libro
La storia on the road di una famiglia di giù che attraversa l’Italia con un solo obiettivo: restare unita. Antonio Capaccio è un giovane del Sud trapiantato al Nord. Dopo anni da fuorisede, tra università e stage, sta finalmente per raggiungere l’agognato obiettivo di ogni precario: il posto fisso. Ma è un sogno che si realizza a caro prezzo: Antonio dovrà restare a Milano durante le imminenti feste di Natale. Potrebbe sembrare una buona notizia, ma non per una famiglia del Sud: sua madre Antonietta, ricevuta la telefonata sul baldacchino che la porta in processione per le vie del paese nelle vesti di Santa Lucia, grida disperata, tra la folla scoppia il caos e mezzo paese finisce in ospedale. Al capezzale della moglie, Rocco Capaccio si gioca tutte le promesse che un uomo non farebbe mai, purché lei si risvegli. Arriva a giurare di portarla fino a Milano per trascorrere il Natale insieme al figlio. E allora, miracolosamente, la donna apre gli occhi. Inizia così, a bordo di uno scassatissimo furgone Volkswagen anni Settanta, il viaggio verso Nord della famiglia Capaccio: genitori, nonni, fratello, zia, cugini e pure amici al seguito. Qualcuno affronta quei mille chilometri di asfalto con un desiderio segreto nel cuore: chi vuole fuggire per sempre dal paese, chi sfondare nella musica, chi ritrovare un amore perduto. Ci saranno sorprese e avventure, imprevisti e rivelazioni, tra epiche sfide di nonne ai fornelli, gemellaggi etilici Sud-Nord, nuovi amori e vecchi rancori. La famiglia rischierà di scoppiare, la destinazione sembrerà irraggiungibile. Ma al grido «Nulla separa una famiglia a Natale», i Capaccio saranno pronti a sfoderare un intero arsenale di astuzie e tradizioni pur di compiere quella missione impossibile. Tuttinsieme: perché una famiglia è una famiglia solo quando non si divide. Casa Surace è una factory e casa di produzione nata nel 2015 da un gruppo di amici e coinquilini, diventata ben presto uno dei maggiori fenomeni del web. Con più di mezzo miliardo di visualizzazioni su Facebook e YouTube, e una Social Community da oltre due milioni e mezzo di fan, i loro video raccontano le caratteristiche e i tic del nostro Paese: differenze tra Nord e Sud, vita in famiglia e vita da fuorisede, mamme in cucina e nonne filosofe.

©Riproduzione riservata



Sede polizia locale Padula intitolata a Joe Petrosino

di Luigi Martino

«Avevo preso un impegno 6 mesi fa ed oggi l’ho mantenuto. Sono voluto essere presente all’intitolazione a Joe Petrosino della nuova sede della Polizia locale a Padula, città natale del poliziotto italoamericano ucciso dalla mafia». Lo ha detto il sottosegretario all’Interno, Carlo Sibilia. «Joe – ha spiegato Sibilia – ha fondato la sua azione sulla coerenza e sulla lealtà, valori che vanno ribaditi e praticati. Anche nei rapporti politici di governo. Uno dei modi migliori per ricordare un servitore dello Stato, þ mantenere fede ai propri impegni, essere leali nei confronti dei cittadini in primis. Il nostro Governo sta lavorando alla radice per sconfiggere le mafie. Due giorni fa abbiamo approvato la legge che modifica il 416-ter con la quale manderemo in galera, senza fare sconti a nessuno, i politici corrotti che fanno voto di cambio e affari con la criminalità organizzata».

©Riproduzione riservata



Neve e disagi, chiuse le scuole

di Luigi Martino

Nevicata nella notte su gran parte del Vallo di Diano e Tanagro, zona a sud della provincia di Salerno e confinante con la Basilicata. Diversi i comuni nei quali le scuole oggi resteranno chiuse. Tra questi spicca Sala Consilina, che con i suoi 12mila abitanti è il comune più popoloso del Vallo di Diano, dove il sindaco Francesco Cavallone ha emesso un’ordinanza che stabilisce la chiusura delle scuole di ogni ordine e grado “preso atto, nelle prime ore di oggi, delle effettive condizioni di transitabilità della rete viaria cittadina che, di fatto, presenta forti criticità sotto il profilo della sicurezza della circolazione stradale”. Analoga decisione è stata presa alle 5.20 da Giuseppe Rinaldi, sindaco di Montesano della Marcellana, che tramite la sua pagina Facebook ha diffuso il testo dell’ordinanza, e da Paolo Imparato, sindaco di Padula.

©Riproduzione riservata



Istituito indirizzo biomedico per il Liceo Pisacane di Padula

di Marianna Vallone

E’ il liceo biomedico il nuovo arrivato tra gli indirizzi del Liceo Scientifico Pisacane di Padula. La Regione Campania ha infatti deliberato l’istituzione dell’indirizzo biomedico per l’anno scolastico 2019-2020, percorso già avviato in autonomia in questo anno scolastico dal Liceo Scientifico di Padula in forma di potenziamento e orientamento e che ora viene quindi suggellato e riconosciuto in forma ufficiale dagli enti competenti. Si tratta di un grande risultato poiché il percorso di studio prepara i ragazzi alla scelta di facoltà universitarie ad indirizzo medico. Il nuovo indirizzo va quindi ad arricchire la già ampia offerta formativa del Liceo “Pisacane” di Padula: il liceo scientifico ordinario che conta sulla presenza di laboratori ricchi di strumentazioni e apparecchiature completamente rinnovate e all’avanguardia per arricchire la didattica con importanti risvolti pratici; il liceo scienze applicate che punta su una maggiore conoscenza di matematica, fisica e scienze naturali stimolando il ragionamento e la logica per indirizzare i ragazzi allo sviluppo della ricerca scientifica e tecnologica; il percorso di studio liceo scientifico scienze applicate “sezione STEM” con il potenziamento dei laboratori di informatica a fisica; il liceo quadriennale che, in fase sperimentale, trova nel Liceo Pisacane di Padula l’unico della parte sud della Provincia di Salerno ad averne ricevuto il riconoscimento per la sperimentazione, confermata anche per questo anno, in base alle esigenze formative europee; ora quindi anche l’indirizzo Biomedico. L’intera offerta formativa potrà essere approfondita nel corso della “Festa dei laboratori” in programma venerdì 11 gennaio dalle 18.00 alle 20.00 e in occasione dell’Open Day sabato 19 gennaio a partire dalle ore 16.00. In provincia di Salerno solo il liceo scientifico “Pisacane” di Padula e Liceo Scientifico “Rescigno” di Roccapiemonte hanno ottenuto la delibera per l’attivazione dell’indirizzo biomedico

©Riproduzione riservata



Maltempo, i sindaci chiudono le scuole nel Salernitano

di Luigi Martino

L’annuncio scritto con il gesso sulla lavagna di una classe
Scuole chiuse questa mattina in alcuni comuni dei comprensori del Tanagro e del Vallo di Diano, a sud di Salerno. A seguito del perdurare dell’allerta meteo, diversi sindaci hanno emanato apposite ordinanze di chiusura per le scuole di ogni ordine e grado. In particolare le attività didattiche sono sospese per la giornata di oggi nei comuni di Caggiano, Montesano sulla Marcellana e Teggiano. A Padula, invece, le scuole rimarranno chiuse oggi e domani.  

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019