Tag: presepe

Ceraso, dal 3 gennaio torna la magia del presepe vivente più bello d’Italia

di Luigi Martino

Fresco fresco di riconoscimento ritirato in Sicilia torna il 3, il 4 e il 5 gennaio il fantastico presepe vivente di Ceraso. E’ alla sua terza edizione ma è già noto in tutto lo Stivale per la sua bellezza. Il tema di quest’anno è Il sogno di Maria di Rocco Chinnici. Nei vicoli del centro storico di Ceraso, dalle 17 alle 20, con un biglietto di soli 3 euro (i bambini fino a 10 anni non pagano), si ha la possibilità di tuffarsi in uno scenario meraviglioso. Il presepe vede il patrocinio della Pro Loco di Ceraso e dal Comune di Ceraso.

Apri la locandina

©Riproduzione riservata



Camerota, Gesù nasce nella Grotta della Cala tra conchiglie e spuma marina

di Luigi Martino

Quest’anno Gesù nasce nella Grotta della Cala, in un presepe artistico fatto di conchiglie raccolte a Marina di Camerota. L’idea è di Anna Ferrara, una turista che durante le proprie vacanze nella Perla del Cilento ha raccolto le conchiglie sulla spiaggia e ha deciso di creare quest’opera d’arte. «Ricordo quella mattina nel porticciolo, ad aspettare i pescatori che portavano, tra le reti, migliaia di conchiglie – racconta Anna di Cava de’ Tirreni -. Stefano ed io ne raccogliemmo tantissime, riempendo una valigia. Oggi sono state assemblate in questo presepe». «Tutto è stato studiato nei minimi particolari – continua Anna -. Volutamente non ho rispettato proporzioni e prospettive; gli uomini sono “piccoli” di fronte alla maestosità della natura! Il flusso dell’acqua, la risacca, la schiuma delle onde sono state riprodotte con perline azzurro/blu, con luci solo blu, con brillantini color argento, con ovatta sfilzata. C’è qualche fiore tra le rocce, tra le conchiglie, come quelli che sbucano e sbocciano spontaneamente intorno alla Grotta della Cala. Il Bambinello viene dal mare, come tanti migranti che cercano riparo nella nostra terra; e noi abbiamo il dovere di accogliere perché, se ci diciamo cristiani, diciamo e facciamo ciò che diciamo: “Apri, e ti sarà aperto…”».

Un significato importante dietro l’opera e concetti che s’abbracciano per tenere alti valori che l’artista ha voluto sottolineare più volte. Nel paesaggio marino è stata riprodotta la Grotta della Cala, sito di interesse preistorico e patrimonio mondiale dell’Unesco, testimone della convivenza tra l’uomo di Neanderthal e l’uomo Sapiens. «Le foto di Anna, la sua opera e le sue parole dimostrano il legame forte che i turisti instaurano con Marina di Camerota. L’odore del mare e la bellezza unica dei nostri posti restano dentro anche quando le vacanze estive sono finite» dichiara Teresa Esposito, assessore alla Cultura e all’Amp di Camerota.

©Riproduzione riservata



Ceraso ha il presepe vivente più bello d’Italia

di Luigi Martino

Ceraso, in Cilento, ha vinto il premio per il Presepe Vivente piu’ bello d’Italia, ex aequo con Laino Castello, pittoresco borgo nel cuore del Parco nazionale del Pollino, in provincia di Cosenza. A decretarlo è stata, nella giornata di ieri, la giuria dell’opera presepiale internazionale Praesepium Historiae “Ars Populi”, alla fine di due intense giornate che si sono svolte a Lentini, in provincia di Siracusa. Greppia d’Amore… Cultura Nuova: questo il tema del Praesepium Meeting, giunto alla 31 edizione e che ha riconosciuto nel presepe vivente di Ceraso tutti i requisiti richiesti per il conferimento del prestigioso riconoscimento, ovvero spiritualità, tradizione, valorizzazione del territorio e coinvolgimento corale della popolazione. A Laino Castello, inoltre, è stato conferito l’ambito titolo di “Città del Presepio d’Italia 2018”, un ulteriore premio per tutta la popolazione che si sta preparando al 26 dicembre, quando sarà rappresentata la 19 edizione del Presepe Vivente.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019