• Home
  • santa maria di castellabate

Tag: santa maria di castellabate

Castellabate, romantica meta anche d’inverno

di Marianna Vallone

Dovremmo avere tutti una vita vista mare. Hanno scritto. Ed è impossibile dargli torto, perché se c’è qualcosa di innegabile, è proprio la serenità che il mare sa trasmettere. Che siano spiagge deserte, o strapiombi rocciosi, oceani infiniti o sentieri per raggiungerlo poco importa: a chi non è mai capitato di osservarlo e chiedersi: “Ma come fa a esistere un capolavoro così?”. C’è un volto di Castellabate, nel Cilento, che lascia letteralmente senza parole. Ed è quello del Belvedere di San Costabile, una terrazza ai piedi del Castello dal quale la vista è incredibile. E’ il luogo più romantico del territorio se sognate tramonti infuocati e intensi profumi della macchia mediterranea. Lo sguardo da quest’altezza poggia sulla spiaggia di Punta Licosa, luogo mitico legato alla figura della sirena Leucosia, che si gettò in mare per un amore non corrisposto e che fu trasformata in scoglio; ma anche sulla costa di San Marco e Santa Maria di Castellabate e su Punta Tresino. Il caratteristico borgo marinaro del litorale cilentano offre scorci mozzafiato tra vicoli incantevoli e piccole piazze anche d’inverno, lontani dal caos cittadino. Attrae i visitatori anche per la sua gastronomia e per i suoi monumenti architettonici.

Sfoglia la gallery

©Riproduzione riservata



Castellabate accompagna la statua di San Marco in Vaticano

di Luigi Martino

Il comitato dei festeggiamenti lascia un messaggio sui social dopo il pellegrinaggio della statua al Vaticano: «Di ritorno da questa bellissima esperienza il Comitato Festeggiamenti San Marco Evangelista intende ringraziare tutti i fedeli che hanno partecipato al pellegrinaggio, in particolar modo don Pasquale Gargione che ha permesso tutto questo. Siamo pronti e più entusiasti di ripartire con l’organizzazione della festa. Evviva San Marco».

©Foto Marco Coppola

©Riproduzione riservata



Pescato nel Cilento un raro esemplare di pesce tropicale

di Luigi Martino

Nella zona C dell’Area Marina Protetta Santa Maria di Castellabate alcuni giorni fa è stato pescato un rarissimo esemplare di Lobotes surinamensis detto “pesce foglia” (in inglese Triple tail, cioè Tripla coda, a causa dell’ampiezza, della forma e della posizione delle pinne dorsali e anale, che fanno sembrare trilobata la parte caudale). L’esemplare, lungo 40 cm e del peso di tre Kg, è stato catturato nello specchio d’acqua antistante Punta dell’Inferno, ad una profondità di circa 15 metri, con una lenza a tre ami (bolentino). La straordinaria cattura è stata segnalata ad Assunta Niglio, consigliere delegato all’Area Marina Protetta del Comune di Castellabate che, attraverso l’Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, gestore dell’AMP, ha tempestivamente contattato il prof. Giovanni Fulvio Russo, biologo marino dell’Università Parthenope e consulente scientifico dell’Ente Parco, il quale ha confermato che trattasi effettivamente di Lobotes surinamensis. Grande collaborazione anche dall’Ufficio Locale Marittimo di Castellabate che si è subito attivato e fornito informazioni importanti sulle precedenti catture. Pur essendo una specie cosmopolita dei mari tropicali e subtropicali, le catture nel Mar Mediterraneo sono rarissime. La prima segnalazione per il Mediterraneo risale al 1875 quando fu catturato un esemplare nelle acque di Palermo. Da allora sono seguite solo pochissime altre catture: nel 1967 a Pizzo Calabro, nel 1996 nelle acque dell’Argentario, nel 2014 a Sciacca, nel 2015 ad Ancona, l’ultima nel 2017 a Sant’Agata di Militello. L’incremento delle catture in questi ultimi anni potrebbe essere una conferma fenomeno di tropicalizzazione che sta interessando le acque del Mediterraneo. La specie Lobotes surinamensis è ampiamente diffusa in tutti i mari tropicali e subtropicali, dove è presente prevalentemente in acque basse, penetrando spesso anche nelle foci dei fiumi. Si tratta di una specie carnivora che si nutre di piccoli crostacei e pesci. Nonostante non sia una specie molto attiva, stazionando spesso all’ombra di oggetti galleggianti, può effettuare salti sorprendenti fuor d’acqua per sfuggire alle reti. Può raggiungere fino ad un metro di lunghezza e le sue carni sono considerate abbastanza pregiate. «Non possiamo parlare di colonizzazione di specie aliene – dichiara il Presidente del Parco Tommaso Pellegrino – perchè il pesce foglia è stato avvistato nel Mediterraneo sin dalla fine dell’800 ma è la sua estrema rarità che rende ogni segnalazione davvero unica e piuttosto singolare».

©Riproduzione riservata



Fuochi sul mare di Castellabate: la foto è un incanto

di Luigi Martino

Spettacolo pirotecnico sul mare pluripremiato di Santa Maria di Castellabate. Lo scatto di Marco Coppola, noto fotografo cilentano, fa il giro del web.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019