Tag: sequestro

Abusi edilizi, ad Agropoli sequestrato fabbricato e ordinata demolizione

di Marianna Vallone

Questa mattina il nucleo di prevenzione e tutela territorio  della Polizia municipale di Agropoli, diretto dal vice comandante, Sergio Cauceglia, coordinato dal comandante, maggiore Carmine di Biasi, ha dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal gip presso il Tribunale di Vallo della Lucania, apponendo i sigilli ad un fabbricato con annessa corte pertinenziale in località Mandrolla di Agropoli, zona sottoposta a tutela paesaggistica nonché inserita nel perimetro del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. La misura cautelare è scaturita a seguito di accertamenti eseguiti unitamente al personale dell’ufficio tecnico comunale, per difformità ai titoli edilizi assentiti, con l’ausilio altresì di reperti fotografici dell’Istituto geografico militare di Firenze.  Per le opere abusive è stata emessa ordinanza di demolizione e rimissione in pristino dell’originario stato dei luoghi. La misura cautelare reale è stata eseguita in danno di un sessantenne residente in provincia di Milano. Continua incessante l’attività di controllo della Polizia municipale sull’attività edilizia del territorio del Comune di Agropoli, fortemente voluta dal sindaco Adamo Coppola.

©Riproduzione riservata



Cilento, abusivismo e scarichi illegali: villaggio sotto sequestro

di Luigi Martino

Nella giornata di ieri i militari del nucleo di Polizia Ambientale della guardia costiera di Agropoli, unitamente ai colleghi dell’Ufficio locale marittimo di Acciaroli, hanno proceduto, in esecuzione di un decreto a firma del gip del tribunale di Vallo della Lucania, al sequestro preventivo di un noto villaggio turistico nel comune di Casal Velino. Tra le principali violazioni penali contestate ai titolari della struttura spiccano una serie di lottizzazioni abusive e la mancanza delle prescritte autorizzazioni ambientali allo scarico dei reflui provenienti dalle utenze domestiche nel pubblico sistema fognario. La struttura, ha un’estensione complessiva di circa 30 mila metri quadri con bungalows, piscine e ampie aree attrezzate per camping. La misura cautelare è scattata a seguito di un’accurata attività tecnica condotta dalla guardia costiera di Agropoli sotto il coordinamento della procura della Repubblica di Vallo, per accertare il rispetto delle disposizioni di legge in materia di scarichi delle acque reflue.

©Riproduzione riservata



Cilento, cenone di fine anno: 300 kg di pesce sequestrato

di Luigi Martino

Si sta per concludere la vasta operazione della guardia costiera di Agropoli lungo la filiera ittica voluta per le festività natalizie dal mnistro delle Politiche Agricole Alimentari Forestale e del Turismo, Gian Marco Centinaio, coordinata a livello regionale dalla direzione marittima della Campania, quale centro di controllo operativo locale. Complessivamente, i comandi del circondario marittimo di Agropoli, sotto la direzione del tenente di vascello Giulio Cimmino, nel mese di dicembre sino ad oggi hanno effettuato 110 controlli in mare ed a terra, irrogando 9 sanzioni amministrative per un ammontare di oltre 17.000 euro; sono stati sequestrati inoltre circa 300 kg di prodotto ittico conservato in precarie condizioni igienico sanitarie e privo di ogni documentazione che ne accertasse la provenienza e/o la tipologia di lavorazione, oltre a diverse attrezzature da pesca vietate o utilizzate in aree non consentite, tra cui una rete da posta di circa 500 metri utilizzata fraudolentemente da pescatori sportivi lungo il litorale di Capaccio Paestum.

Nell’entroterra è stata effettuata una capillare attività ispettiva presso grossisti, pescherie, venditori ambulanti e ristoranti, coinvolgendo anche i veterinari della locale Asl per gli aspetti prettamente igienico sanitari. Nell’assicurare che l’attività di vigilanza lungo tutta la filiera del pescato continuerà anche nei prossimi giorni, al fine di garantire il rispetto delle norme in materia di rintracciabilità del prodotto ittico ed il corretto esercizio delle attività di pesca, nei riflessi della salvaguardia della salute pubblica e della tutela delle risorse biologiche, la guardia costiera di Agropoli raccomanda di acquistare prodotti ittici dei quali sia sempre possibile conoscere la provenienza.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019