Tartarughe salvate e liberate nelle acque del Cilento. Enpa: «Spettacolo vederle sparire nel blu»-VIDEO

Liberati a Camerota ed Ascea due esemplari di Caretta caretta, tartarughe marine recuperate a largo e soccorse dai biologi della stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli. Salve, la tartaruga liberata ad Ascea ha circa 10 anni ed è rimasta intrappolata nelle reti. L’altra, Tempestina, ha circa 20 anni e le è stato rimosso un amo che aveva ingerito. Ha trascorso intere settimane senza potersi nutrire prima di essere recuperata. Dopo le cure necessarie, gli esemplari hanno preso il largo dalle coste cilentane. Hanno contribuito alle operazioni i volontari dell’Enpa di Salerno che ormai da qualche anno collaborano con i biologi. «Vederle scomparire nel blu è stato stupendo – commenta Roberta Teti, volontaria dell’Enpa Salernitana – ringraziamo i biologi del Dohrn che operano per la tutela del mare e delle sue creature. E vorrei ricordare a tutti i numeri da contattare in caso di ritrovamenti di Tartarughe marine, la Capitaneria al 1530 e la stazione zoologica anton Dohrn ai numeri 081-5833111 e 334-6424670».

©Riproduzione riservata