• Home
  • Cronaca
  • The Guardian riprende la polemica sulla Spigolatrice di Sapri

The Guardian riprende la polemica sulla Spigolatrice di Sapri

di Marianna Vallone

La polemica sulla nuova statua della Spigolatrice di Sapri finisce su The Guardian, che in un articolo pubblicato oggi (in foto), a firma di Angela Giuffrida, ripercorre il braccio di ferro tra alcuni esponenti politici nazionali e quanti in queste ore stanno discutendo sull’opera. «Una statua raffigurante una donna succinta di un poema del XIX secolo ha scatenato una lite sul sessismo in Italia», si legge nel pezzo. Da un lato l’ex presidente della Camera e deputata del Partito Democratico di centrosinistra, Laura Boldrini, ha affermato che la statua è un «aperto alle donne e alla storia che dovrebbe celebrare». Ha scritto su Twitter: «Ma come possono anche le istituzioni accettare la rappresentazione di una donna come un corpo sessualizzato?». Dall’altro l’artista che ha realizzato l’opera, Emanuele Stifano, ha difeso il suo lavoro, scrivendo su Facebook che se fosse stato per lui la statua sarebbe stata «completamente nuda… semplicemente perché sono un amante del corpo umano». Ha detto che era «inutile» cercare di spiegare le opere d’arte a coloro «che vogliono assolutamente solo vedere la depravazione». «Nelle foto della cerimonia, – scrive poi il The Guardian – Conte, ora leader del Movimento Cinque Stelle, è apparso perplesso mentre guardava la statua, circondato da un entourage per lo più maschile». Qui l’articolo

©Riproduzione riservata




A Cura di

Marianna Vallone

Giornalista per professione e comunicatrice per passione, sono alla continua ricerca di storie da raccontare e tramonti da immortalare. Nata sulla costa di Maratea ma morigeratese da sette generazioni. Vivo nel cuore verde del Cilento e sono felice. Faccio domande anche quando conosco le risposte, perché continuo a pensare che l’essere umano sia il viaggio più bello da fare.
Tutti gli articoli di Marianna Vallone

© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019