• Home
  • Cronaca
  • Traffico di rifiuti, Riesame annulla domiciliari per l’imprenditore del Vallo di Diano

Traffico di rifiuti, Riesame annulla domiciliari per l’imprenditore del Vallo di Diano

di Pasquale Sorrentino

Il Tribunale del Riesame di Lecce ha annullato l’ordinanza emessa dal Gip nei confronti di Biagio Campiglia, nell’ambito di un’inchiesta condotta dai carabinieri e coordinata dalla D.D.A di Lecce. Si tratta dell’imprenditore originario del Vallo del Diano, che nei giorni scorsi era finito nell’elenco delle persone attinte da misura cautelare nel corso di un’indagine, che tra i vari reati mirava ad accertare una presunta associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti. Secondo l’impianto accusatorio Campiglia Biagio avrebbe avuto il compito, insieme a Massimiliano Ercole ( ex membro dell’arma dei Carabinieri) e Salvatore Coscarella detto “l’ingegnere” di individuare le aziende produttrici dei rifiuti da porre in contatto con il gruppo Scarcia di Lecce. Biagio (per il quale la D.D.A. aveva chiesto gli arresti domiciliari), difeso dagli avvocati Francesco Marotta e Sandro Tortorella, si è visto annullare l’ordinanza “avendo dimostrato la sua piena estraneità ai fatti”, sostengono i due legali.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019