Tragedia, 36enne cilentano ucciso a colpi di pistola

di Redazione

La vittima, Jesse Janes Edoardo Chirico, 36 anni, era nato nel Paese sudamericano, ma era stato adottato da bambino da una famiglia di Capaccio Paestum. Da qualche tempo era tornato in Brasile per cominciare una nuova vita, ma è stato ucciso a colpi di pistola in circostanze ancora da chiarire. Tra qualche giorno, in Italia, avrebbe dovuto testimoniare in un processo a suo carico.

Lutto a CapaccioPaestum, nella provincia di Salerno, per la morte del 36enne Jesse Janes Edoardo Chirico, ucciso a colpi di pistola, in circostanze misteriose, in Brasile. Il 36enne era nato proprio nel Paese sudamericano, ma da bambino era stato adottato da una famiglia della cittadina della Piana del Sele e aveva dunque vissuto gran parte della sua vita in Italia. Da qualche tempo, dopo alcuni problemi con la giustizia, aveva deciso di cominciare una nuova vita nel suo Paese natio ed era tornato dunque in Brasile, nella zona del Mato Grosso, a circa un migliaio di chilometri dalla capitale Brasilia.

L’omicidio è avvenuto oltre un mese fa

L’omicidio di Jesse Chirico è avvenuto oltre un mese fa, ma la notizia è trapelata in Italia soltanto adesso. Stando a quanto riportano i media brasiliani, il 36enne è stato assassinato lo scorso 9 settembre nella piazza del quartiere Setor a Querencia, come detto nella zona del Mato Grosso, dove da qualche tempo Chirico si era trasferito (abitava nel quartiere Bela Vista). Secondo una prima ricostruzione, due individui dal volto coperto si sarebbero avvicinati al 36enne e gli avrebbero sparato diversi colpi di pistola. Sul corpo è stata eseguita l’autopsia e le autorità brasiliane indagano sulla vicenda per individuare gli assassini del 36enne.

Chirico avrebbe dovuto testimoniare in Italia

Come già detto, Jesse Chirico in Italia aveva avuto alcuni problemi con la giustizia: era infatti pregiudicato. Non solo: tra qualche giorno, il 36enne avrebbe dovuto testimoniare, presso il Tribunale di Salerno, in un processo che lo vede imputato per spaccio di sostanze stupefacenti.

©Riproduzione riservata



© Giornale del Cilento - Gerenza

Iscrizione al Tribunale Vallo della Lucania n.580/2009 del 04.09.2019