Un «turista» molto raro solca i cieli di Palinuro: avvistata aquila imperiale

Un’aquila imperiale è stata avvistata nei cieli del Cilento. L’animale, non solo è stato visto, ma era seguito da tempo da alcuni osservatori. Il rapace, infatti, ha installato un gps che permette agli ornitologi di non perdere mai di vista l’esemplare raro. Sarebbe infatti partita dalla Croazia per fermarsi una notte in Puglia e poi raggiungere il Cilento attraversando la Basilicata. Era successo solo una volta in Campania. Dopo Palinuro l’aquila è andata a far visita alla costa calabra. L’uccello probabilmente era a caccia di cibo lungo la costiera Cilentana. Si nutre prevalentemente di conigli, ma anche di roditori, lepri, corvi e piccoli uccelli. È stata pertanto un’altra vittima indiretta dell’epidemia di mixomatosi che ha colpito i conigli negli anni ’90. La specie è stata dichiarata vulnerabile (status “VU D1”) dalla lista rossa Iucn. Nel 2003 si sono accertate la presenza di 54 coppie, il parco nazionale di Doñana ha avviato un progetto per proteggere tale specie con effetti dal 2007. È da considerarsi in aumento, con nuove nidificazioni in Spagna e Portogallo. Importante per la ricolonizzazione di nuove aree è stato il ruolo di centri recupero per la fauna selvatica come quelli del Grefa. Nonostante ciò la specie è ancora minacciata dalla scomparsa dell’habitat, da centrali eoliche e alta tensione.

©Riproduzione riservata